Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Per non sbagliare in cucina

Per non sbagliare in cucina

La Sicilia va verso la strada dell'oleo-gastronomia. Una definizione che ha un chiaro richiamo all'eno-gastronomia, a cui l'accomuna il concetto di abbinamento, espressione ed esaltazione olfatto-gustativa. L'extravergine di oliva ha ovviamente ben altro ruolo: mentre il vino ha il compito di accompagnare le pietanze, come elemento complementare, l'olio si integra con la preparazione, è un ingrediente e, come tale, ha la funzione di legare ed esaltare i sapori.
Studi condotti dall'Assessorato regionale all'Agricoltura utilizzando il metodo della caratterizzazione degli oli a denominazione d'origine, permettono di fare una prima definizione dei profili organolettici, distinguendo gli oli in tre categorie, con relative possibilità di abbinamento.
Dalle cultivar Biancolilla, Moresca, Piricuddara si ottiene l'olio fruttato leggero. Consigliato sui piatti delicati, come ad esempio il pesce e perfino in pasticceria.
Alcuni mono-varietali Santagatese, Crastu, Ogliarola Messinese, e i blend Biancolilla-Cerasuola, Tonda Iblea-Moresca, Brandofino-Nocellara Etnea, Buscionetto-Nocellara del Belice, Santagatese-Ogliarola Messinese, Moresca-Zaituna rientrano nei fruttati medi. Sono condimenti in cui serve un'azione di contrasto o competizione meno blanda
Gli oli prodotti dalle cultivar Cerasuola, Nocellara del Belice, Nocellara Etnea, Tonda Iblea o Verdese sono invece caratterizzati da sensazioni di fruttato intenso. Possono essere utilizzati per carni alla brace, oppure, per esaltare i toni neutri o leggermente amari delle insalate e delle verdure cotte.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

1) Ricciola marinata allo Chartreuse e zuppetta di finocchio al lime

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search