Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2009 il 02 Aprile 2009
di Redazione

Il territorio in cucina

Ventinove anni, gli ultimi otto passati tra i fornelli della Locanda di Don Serafino, a Ragusa. Vincenzo Candiano approda al Vinitaly per un duro banco di prova, che sembra avere superato a pieni voti. E insieme a lui tutta la Locanda di Don Serafino, una stella Michelin conquistata nel 2007, va in trasferta a Verona. Il banco di prova. Il primo pranzo al ristorante i Vicerè all'interno del padiglione Sicilia. Cucinare per palati d'eccezione, non solo appassionati ma produttori e addetti ai lavori.

"Il tecnico - dice lo chef - riesce ad apprezzare i piatti meglio degli appassionati ma riesce anche a criticare di più. È una prova più difficile". La cucina, seguendo lo stile inconfondibile del ristorante, è stata quella strettamente legata al territorio e presentata in modo raffinato ed elegante. Tra i piatti proposti a Verona, tartare di carne modicana con cous cous di caponatina in salsa di mandorle e tagliolini al ragù bianco di maiale nero con scaglie di ragusano dop. Anche il secondo sa di territorio, con il cosciotto di agnello lievemente affumicato farcito con salsiccia ragusana e contorno di cipolla gratinata al piacentino ennese. E l'importanza del territorio la sottolinea lo stesso Candiano: "Dobbiamo trasmettere la terra in cui viviamo alla nostra clientela che arriva sì dalla Sicilia, ma anche dal nord Italia, dal Giappone, dalla Spagna, dalla Russia. Io preferisco utilizzare prodotti strettamente legati al territorio - spiega -, come la mandorla di Avola, i pistacchi di Bronte, la mela e la pera dell'Etna, il pesce del Mediterraneo, tra Scoglitti e Mazara".
Importante il territorio e, di conseguenza, importantissime le materie prime. "La bontà del prodotto iniziale è indispensabile - dice Candiano -. Se è buona la materia prima, basterà non rovinarla e il piatto sarà buono altrettanto".
La passione di Candiano per la cucina nasce in tenera età. "Avevo solo undici anni - racconta - e appena sono riuscito ad utilizzare i fornelli ho fatto il mio primo budino. Sono stato guidato in questa passione da nonne e zie, molto brave in cucina". E da un approccio tutto "dolce", la specializzazione in piatti di pesce e poi una passione crescente per la carne. Provare per credere.

Carla Fernandez


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

1) Crocchetta di stoccafisso e crema di capperi

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search