Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2018 il 17 Aprile2018


(Cerequio La Morra)

Non siamo ancora al livello della Borgogna, ma ci stiamo avvicinando rapidamente. Mezzo ettaro,sì avete letto bene, mezzo ettaro di vigneto nel celebre cru Cerequio di la Morra, sarebbe stato (condizionale d'obbligo, ma le voci sono sempre più insistenti) acquistato a 2 milioni di euro. 

Quindi, calcoli facili da fare, un ettaro di vigneto da queste parti oggi vale 4 milioni di euro. Prezzi incredibili e impensabili fino a qualche tempo fa che si stanno allineando a quelli della Borgogna, dove però i vigneti si vendono a filari e un ettaro, complessivamente, può costare anche 7/8 milioni di euro. Lo ha rivelato La Stampa, nell'edizione cartacea di oggi. La notizia è trapelata al Vinitaly. Nessuno dei produttori "big" piemontesi ha confermato, ma non ha neanche smentito. Da Angelo Gaja a Michele Chiarlo, da Roberto Voerzio a Batasiolo e Paolo Damilano che conoscono molto bene questa celebre collina, famosa in tutto il mondo. Non si conosce il nome dell'acquirente, si vocifera che sia straniero. Sulla questione interviene Oscar Farinetti: "Se parlo come proprietario, con Fontanafredda, del maggior numero di ettari a Barolo (sono circa 100) non posso che sorridere - ha detto Farinetti a La Stampa - In realtà sono un po' preoccupato. Temo l'effetto bolla, mi sembra di rivedere i prezzi degli appartamenti in Liguria di 30 anni fa. Non si può andare oltre certi limiti, ci vuole equilibrio tra costo delle uve, del vino e dei terreni". Parla anche il neo presidente del consorzio di tutela delle Langhe, Matteo Ascheri: "E' chiaro che è in atto una trasformazione - dice - L'acquisto di un vigneto non è più un investimento produttivo, ma patrimoniale o finanziario. Chi acquista a certe cifre sa che può avere un ritorno economico solo tra 70 anni, quindi i ragionamenti sono di altro tipo e superano le dinamiche familiari a cui siamo abituati".

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giannico Carruggio

Cantina Gianfranco Fino

Manduria (Ta)

1) Gambero marinato

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search