Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2018 il 16 Aprile 2018
di C.d.G.


(Paolo Gentiloni)

Arriva con tre ore di ritardo sulla tabella di marcia prevista. Paolo Gentiloni, presidente del Consiglio dei Ministri, ormai ad interim, al Vinitaly, però, è nelle vesti di Ministro dell'Agricoltura, dopo le dimissioni di Maurizio Martina: "E non lo avrei detto", dice all'esordio del suo discorso sul palco della Sala Verdi del PalaExpo. 

Rivela la sua passione per il mondo del vino, "ma solo come bevitore, non produttore". Racconta di aver voluto visitare gli stand del Lazio (in particolare le cantine di Rieti), delle Marche, dell'Abruzzo e dell'Umbria, "per dare un segnale di solidarietà a queste popolazioni che non si sono lasciate abbattere dai terremoti". Il vino, per Gentiloni, "è una storia di successo ed un bel segnale che le nostre imprese riescano a vincere le sfide globali". Gentiloni rimarrà in carica "per ore, forse giorni o settimane - dice - ma vi assicuro che il Governo continuerà la strada tracciata per la tutela di questo settore". Il Testo Unico del Vino è già operaivo "e siamo in fase di attuazione dei 28 decreti - spiega Gentiloni - Poi c'è molta attenzione sui bandi Ocm che dovrebbero uscire a giorni". Ammette di non essere preparato su questo settore: "Mi hanno aggiornato in questi giorni dei principali problemi del comparto. Che però ha una grande forza trainante dell'economia italiana. Dimostriamo, insomma, di non essere secondi a nessuno. E questa consapevolezza, nel nostro Paese, non c'era mai stata. Possiamo e dobbiamo fare meglio. E il bando Ocm, in questo senso, ci aiuterà". Si deve pensare ai nuovi mercati, Asia e Cina soprattutto, "ma mai dimenticare le proprie radici - afferma Gentiloni - Ci vuole il coraggio dell'innovazione e l'orgoglio di portare in giro i propri prodotti". Poi la chiusura: "Mi piace molto il detto "In vino veritas" - ha detto il Primo Ministro - La veritas è che questa Italia ha bisogno di proseguire in questo cammino positivo per essere forti e propositivi nel mondo. Niente dazi e tariffe, ma solo tutela, per non disperderel'eccellente lavoro fatto dalle nostre famiglie".

C.d.G. 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

4) Provola affumicata dessert

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search