Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2020 il 14 Marzo2020
Pietro Mastroberardino

di Michele Pizzillo

Per Pietro Mastroberardino, presidente del gruppo vini di Federvini e dell’Istituto del Vino Italiano di Qualità-Grandi Marchi “non ci sono le condizioni per assicurare agli espositori e ai partecipanti un evento di livello internazionale nel solco della storia di Vinitaly. La professionalità e l’autorevolezza di Veronafiere vanno convogliate verso iniziative di rilancio del settore”.

Dichiarazione rilasciata dopo un’ampia consultazione fra gli associati alla luce degli scenari che la diffusione del coronavirus covid-19 sta ponendo e che rendono assai improbabile una soluzione a breve termine. I collegamenti internazionali, se prima erano di fatto azzerati, oggi sono persino formalmente inibiti. La ristorazione, canale di elezione per i nostri vini, è ormai anche normativamente inattiva. La disponibilità degli operatori esteri a venire in Italia, anche per i mesi a venire, è difficile che possa essere riacquisita velocemente, fanno sapere da Federvini. Che, contestualmente, con la voce di Mastroberardino, invita Veronafiere a continuare la riflessione per ripensare l’evento in una modalità diversa, compatibile con il mutato scenario globale.

E, prosegue, il presidente del gruppo vini di Federvini: "Superato l’isolamento legato al contagio, sarà necessario ripartire con eventi di tipo istituzionale, che richiamino l’attenzione sul rilancio del comparto, allo scopo di superare le forti criticità in atto. Sono convinto che potremo raccogliere, con Veronafiere, gli sforzi che il Governo e il Parlamento stanno compiendo in queste ore per il sostegno alle filiere del Made in Italy”. Insomma, ci vuole una strategia che veda coinvolte nell’immediato le parti istituzionali e a seguire nuovamente gli operatori, una volta ristabilite condizioni commerciali e competitive sostenibili.

Sarà possibile, questo, dopo il 3 aprile? Per Verona Fiere, con una lettera che il direttore generale Giovanni Mantovani ha inviato a tutti gli espositori di Vinitaly, “c’è un termine che aiuta tutti, ed è quello del 3 aprile indicato dall’ultimo Decreto del Governo: in questo lasso di tempo è chiesto a tutti noi di adoperarci per il contenimento della diffusione del virus. Per questo insieme di motivi, di concerto con i principali attori del nostro settore e con le Istituzioni preposte, stiamo tenendo ferma la data del 14-17 giugno per Vinitaly e procediamo con le attività organizzative, anche di tipo straordinario, che stiamo mettendo in piedi per garantire la massima efficacia possibile alla manifestazione. Anche perché non si può vivere alla giornata o, magari, cambiare i piani ad ogni flash di agenzia”. Insomma, andiamo avanti con giudizio, così come consigliava il gran cancelliere Ferrer, al suo cocchiere “Pedro, adelante con juicio”, avanti ma con prudenza, mentre attraversava la folla inferocita durante la peste di Milano del 1629 descritta da Alessandro Manzoni nei “Promessi Sposi”.

Nessuno è in condizione di prevedere quando finirà questa terribile "guerra", tranne la certezza che lascerà per strada moltissimi cadaveri tra decessi di essere umani provocati dall’infezione e attività economiche che difficilmente riusciranno a riprendersi o a tornare alla normalità. Probabilmente si ritornerà a mettere gli storici a.c. e d.c. accanto alle date, cioè avanti coronavirus (e non Cristo) e dopo coronavirus, visto che il dopo probabilmente sarà tutto da immaginare e costruire. Stiamo lavorando ad un Vinitaly “straordinario” in un tempo “straordinario. Ha detto Mantovani agli espositori, mentre si attende che il 3 aprile sia un altro giorno da festeggiare per la riconquistata libertà dal coronavirus.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

2) Raviolo di ravioli in sei stagionature di Parmigiano Reggiano

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search