Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vino e affari
di Redazione

Si è avverato il sogno del regista de “Il Padrino”: il winemaker francese Philippe Bascaules sbarca nella sua tenuta. Tratto da http://myslowburninglife.blogspot.com/

Il piccolo grande sogno di Francis Ford Coppola (nella foto) si è avverato. Come Marlon Brando, uno e due, "Il Padrino" e "Apocalypse Now",

è l'eroe nel bene e nel male dei suoi capolavori, il winemaker francese Philippe Bascaules, sottratto al prestigioso Chateau Margaux, è l'eroe che mancava alla sua tenuta Rubicon Estate, in California, a Rutherford, Napa Valley. Chissà che fine farà quest'ultimo clamoroso acquisto, il francese di Pauillac che non parla inglese. Ho passato qualche anno fa un bel po' di ore in questa storica tenuta, con il general manager Larry Stone che mi ha fatto vedere vigneti, cantine, bottiglie e porte segrete di quanto è stato del proprietario originario, il capitano di marina finlandese Gustave Niebaum che chiamò quel luogo "Inglenook" alla fine del milleottocento. Ci sono ancora le vecchie botti di cedro, restaurate, giganti inermi, testimoni di un tempo e continuità nella passione del regista di origini italiane. I vecchi calessini riposano accanto ad alberi secolari e le fontane zampillano l'acqua che non disseta più gli agricoltori. Le vigne sono appoggiate ai piedi di crinali meravigliosi dove le tribù degli Hopi sistemavano le loro tende.
 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gabriele Boffa

Locanda del Sant'Uffizio Enrico Bartolini

Cioccaro di Penango (At)

1) Asparago, seirass e tuorlo al curry

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search