Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vivere di vino il 13 Ottobre 2011
di Redazione

Un curriculum di tutto rispetto alle spalle che comincia con la Parmalat passando per Zonin e Tomarchio. Il curriculum è quello di Maurizio Gandolfo (nella foto), nuovo direttore commerciale dell’azienda vitivinicola Gorghi Tondi.

Una collaborazione che inizia per caso da qualche mese, proprio chiacchierando assieme a Michele Sala, proprietario dell’azienda, del più e del meno davanti ad un buon bicchiere di vino. Perché quest’ultimo, il vino intendo e tutto ciò che vi sta attorno, ha sempre costituito la grande passione di Gandolfo. Sull’idea dunque di tornare a lavorare per un’azienda vinicola non ci ha dovuto riflettere più di tanto. “Sono contentissimo: se togli il piacere, la passione al mio lavoro non resta nulla”.
Attento al mondo del vino dunque per lavoro e prima di tutto per passione, gli chiediamo alcune considerazioni a riguardo. Guarda ad esempio con positività al mercato: “Si è allargato, - dice - nuovi paesi, come quelli asiatici, costituiscono una nuova e grande possibilità. L’Italia per affermarsi – sostiene Gandolfo - deve giocare molto sui vitigni autoctoni, perché i nostri vigneti sono vigneti frazionati che nulla hanno a che vedere con i seimila ettari ad esempio di una piccola azienda australiana”. Positività ma anche lucida analisi delle pecche del settore vitivinicolo italiano secondo Gandolfo: “Puntare ancora di più alla qualità ed imbottigliare di più – sottolinea - L’imbottigliamento si attesta infatti soltanto al venti per cento. Troppo poco ancora”. Al degustatore Gandolfo chiediamo invece come “stanno” i vini siciliani: “La nostra produzione è migliorata tantissimo negli ultimi anni, c’è più attenzione da parte dei produttori e la qualità si è innalzata notevolmente”. I suoi gusti? “Come bianco su tutti il Zibibbo secco. – rivela – Come rossi il Chianti ed il nostro Nero d’Avola, da buon siciliano che si rispetti”.

S.P.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search