Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'allarme il 19 Luglio2012

Si chiama susina sanacore. Molti la chiamano bianca o gialla.

È un presidio Slow Food e viene coltivata solo a Monreale in tutto il territorio nazionale. Solo che non si vende. L’allarme lo lancia l’agronoma Marilù Monte, una delle principali produttrici del frutto. "L’intera produzione giace nei magazzini – dice – C’è una forte concorrenza dei mercati esteri". Il prezzo di vendita è molto basso (si aggira intorno agli 80 centesimi per chilo). Ai tempi della lira la susina veniva venduta per 1.400 lire al chilo. "In pratica non è cambiato nulla – dice Marilù Monte – Non riusciamo a coprire le spese e non possiamo pagare gli addetti alla raccolta". Una varietà unica nel suo genere che rischia di sparire per sempre.

Nemmeno in città, a Palermo, dove un tempo si registravano i dati maggiori di vendita, la susina sembra essere apprezzata. Anche dopo essere stata affiliata allo Slow Food, l’associazione internazionale nata in Italia con lo scopo di preservare alcuni prodotti italiani a rischio estinzione. O di valorizzarli. Quest’anno il raccolto si è confermato. Si prevede di raccogliere circa 250 quintali. Ma i 4 maggiori produttori delle susine che si trovano nel monrealese (tra cui il sindaco della cittadina normanna, Filippo Di Matteo), sanno già che avranno parecchie difficoltà. La produzione spagnola e marocchina ha infatti già saturato il mercato. "Ci stiamo guardando intorno – dice Marilù – ma credo che l’associazionismo rimanga la soluzione ideale per tentare di uscire dalla crisi tutti insieme". I prodotti che vanno di più sono i derivati, come le confetture. Ma per farle occorrono spese superiori che le aziende in questo momento non si possono permettere.

Giorgio Vaiana

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Paolo Barrale

Aria Restaurant

Napoli

4) Vino e percoche

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search