Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'incontro il 19 Luglio2012

Il Piemonte del vino che fa sistema funziona.

Lo dicono i numeri presentati all'assemblea annuale dell'associazione Made in Piedmont. Oggi riunisce 65 aziende produttrici nei territori Doc e Docg. Nata nel 2010 con lo scopo di promuovere nel mondo la grande qualità dei vini piemontesi e del territorio dal quale questi hanno origine.

Il bilancio di questo primo triennio di attività è positivo: complessivamente, tra i contributi attivati dal bando Ocm Vino per la promozione sui mercati dei Paesi terzi e dal bando Misura 133 PSR della Regione Piemonte per le attività di informazione e promozione ,si è raggiunto l’ammontare di poco più di 3 milioni di euro di contributi a fronte di una spesa totale di quasi 6 milioni, serviti per organizzare 500 missioni commerciali all’estero, per partecipare a 114 fiere internazionali e per realizzare 278 incoming dall’estero in Italia.

Il segno più lo porta anche la produzione complessiva dei vini a denominazione: in tre anni si è passati da 4.771.461 bottiglie prodotte nel 2009 a 7.916.894 bottiglie nel 2011, con un incremento del 65,92%. Quella relativa alla Docg addirittura sarebbe raddoppiata. Cifre interessanti riguardano anche il fatturato del gruppo e la relativa percentuale di export: più di 55 milioni di europer un incremento di 13 milioni euro (+31,56%), con una percentuale di export del 57,80%.


Gianni Gagliardo

"Tutti questi dati testimoniano l’utilità di queste misure – afferma il presidente dell’Associazione Made in Piedmont, Gianni Gagliardo, riconfermato alla guida del Consiglio di Amministrazione –. All’epoca della costituzione dell’Associazione non si conosceva con certezza quali fossero le reali probabilità di successo e i possibili risultati: concluso il primo ciclo triennale dell’erogazione dei fondi a sostegno della promozione dei vini presso i mercati Cee ed extra Cee, è ora possibile stilare un primo bilancio, estremamente positivo, relativo a questo importante strumento cui le aziende hanno accesso. Abbiamo dimostrato che questa è la strada giusta per fare promozione, unendo gli sforzi di pubblico e privato. Doveroso, quindi, è il ringraziamento alla Regione Piemonte, assieme alla quale contiamo di riuscire a dare continuità e sviluppo a questa formula di successo".

Nel corso dell’assemblea si è anche analizzata la situazione lavorativa complessiva delle aziende del gruppo, che offrono circa 500 posti di lavoro, senza contare l’apporto delle cooperative agricole.

"Il 18% dei nostri lavoratori è occupato in ufficio, il 23% in cantina e il 59% nei vigneti – continua Gagliardo –. Analizzando la nazionalità dei nostri lavoratori, una riflessione merita il fatto che il 75% degli occupati in agricoltura sono stranieri, senza contare i lavoratori stagionali che prestano servizio attraverso le cooperative, quasi tutti stranieri. La percentuale di stranieri scende al 40% per gli occupati in cantina, e all’1% per quelli in ufficio, ma resta significativo il dato complessivo. È un peccato che i nostri giovani rifiutino questi mestieri, perdendone la memoria e la pratica. Guadagna terreno la manodopera straniera, più disponibile e ancora attenta ai mestieri della  tradizione".

Le azioni intraprese dall'Associazione hanno portato infine ad un significativo aumento dell’enoturismo. Alla luce di questo trend è nato un progetto basato sull’attivazione di sei web cam sul territorio, sempre allo scopo di fare promozione e creare attenzione sfruttando le più moderne tecnologie.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Paolo Barrale

Aria Restaurant

Napoli

4) Vino e percoche

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search