Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

IL CONCORSO

Il riconoscimento va alla Riserva 2004 prodotto dall'artista vignaiolo Sandro Chia. È il verdetto dell'International Wine Challenge di Londra

“Brunello
di Montalcino
il miglior rosso
del mondo”

Il miglior vino rosso del mondo? La Riserva 2004 del Brunello di Montalcino Castello Romitorio prodotto dall'artista vignaiolo Sandro Chia. Parola dell'International Wine Challenge di Londra, il piu' importante concorso enologico del mondo per numero di partecipanti e di assaggi. Gran menzione anche per il ''Concerto'' Lambrusco Reggiano Doc del 2009 dell'azienda Medici Ermete considerato il miglior spumante al mondo per il rapporto qualità-prezzo.

L'uno-due dei vini italiani arriva in un momento in cui la lotta per farsi spazio sui mercati internazionali si fa sempre più necessaria dato il calo dei consumi sui mercati interni. ''Questo premio è importante perché ci dà fiducia in un momento come questo in cui è molto fondamentale restare sulla ribalta internazionale'', commenta il presidente del consorzio del Brunello di Montalcino Ezio Rivella che legge nel premio anche il riconoscimento alla vitalità del territorio.
''Siamo orgogliosi di aver sbaragliato nel rapporto qualità prezzo bollicine più blasonate come lo champagne. E' la prova che il lambrusco ha fatto un grande salto di qualità'', dice Alberto Medici, proprietario della cantina Medici Ermete. Anche per l'azienda emiliana l'export è importante con nuovi territori da conquistare come Spagna, Brasile e persino Francia. ''Quest'anno prevediamo un +10% di esportazione in più'', afferma Medici. Una previsione che conferma il buon andamento delle esportazioni italiane di vino (+9% nel primo semestre 2010. Dati Coldiretti).
''Creo vini con la stessa passione con la quale dipingo, si tratta di una sorta di devozione, di un sacrificio il quale apporta i massimi risultati'', dice Sandro Chia artista e vignaiolo che nel 1984 ha creato Castello Romitorio nel cuore della campagna Toscana. La riserva 2004 del Brunello di Montalcino Castello Romitorio era già stato scelto come ''migliore della categoria'' da Wine Spectator la bibbia del mondo del vino.
Accanto alla riserva del Brunello di Montalcino Castello Romitorio gli altri quattro campioni incoronati da Iwc 2010 sono stati l'austriaco Samling Trockenbeerenauslese 2007 di Hans Tschida Alois Kracher come miglior vino dolce. Il miglior spumante è risultato il Charles Heidsieck Millesime 2000, Champagnes P.& C. Heidsieck. Ancor un francese, il Puligny Montrachet 1er Cru Les Chalumeaux 2007 di Jean Pascal & Fils, è stato incoronato miglior bianco del mondo; mentre il miglior 'vino fortificato' è il portoghese Ab Amontillado Seco di Gonzalez Byass. Per la Coldiretti ''il successo del Brunello contribuisce a spingere la crescita del vino Made in Italy nel mondo dove le esportazioni hanno fatto segnare un aumento record del 9% nel primo semestre del 2010. Un risultato che dimostra la presenza di nuove e rilevanti opportunità di crescita che - stima la Coldiretti - potrebbe far sfiorare a fine anno i 3,5 miliardi di euro il valore del fatturato realizzato sui mercati esteri. Il vino - precisa la Coldiretti - è la principale voce dell'export agroalimentare nazionale con oltre la metà del fatturato estero che viene realizzato sul mercato comunitario dove la Germania è il principale consumatore di vino italiano.
Il primo mercato extracomunitario di sbocco, con un quarto del valore totale delle esportazioni, sono invece gli Stati Uniti. Il risultato sui mercati esteri è di buon auspicio per la vendemmia 2010, stimata su valori contenuti compresi tra i 45 ed i 47 milioni di ettolitri, con il 60% della produzione che - conclude la Coldiretti - sarà destinato alla realizzazione dei 498 vini a denominazione di origine controllata (Doc), controllata e garantita (Docg) e a indicazione geografica tipica (320 vini
Doc, 41 Docg e 137 Igt).

Elena Mancuso

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search