Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

  • “Cacciato via social dalla Guida ai Ristoranti de l’Espresso, vittima di una mistificazione”

    nome 04.02.2020 11:28
    :sigh:

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Susine bianche di Monreale

Il susino, insieme agli agrumi - arance e mandarini in particolare – è una delle coltivazioni tradizionali della Conca d'oro insieme a gelsi, nespoli, fichi: un tempo nei giardini intorno a Palermo se ne contavano più di 10 varietà e un testo descrittivo del Seicento di Francisco Cupani (Hortus Catholicus, 1696) si trovano riferimenti precisi alla "bruna di cori janchi e niure". Fino a cinquanta, sessanta anni fa questa zona era un enorme frutteto interrotto da poche case di villeggiatura ma l'espansione edilizia di Palermo, dopo aver occupato la costa, ha invaso l'entroterra e ha cancellato buona parte degli agrumeti e dei frutteti cantati dai poeti del Grand Tour. E insieme alle coltivazioni sono scomparse anche le susine "incartate" che riempivano in autunno le bancarelle dei mercati di Ballarò e della Vuccirìa. Con l'incartatura, praticata dopo la raccolta, le susine più tardive, le Ariddu di core, si conservavano fino a Natale. Le donne di casa confezionavano i frutti in lunghi salamini di carta velina, uno ad uno, ben chiusi e legati con lo spago. Ogni salamino di carta conteneva una decina di susine. Le appendevano in un luogo fresco e i frutti si disidratavano e si raggrinzivano, conservando però intatti profumi e sapori per i pranzi delle feste.
Le susine bianche di Monreale sono piccole, a buccia giallo chiara e dolcissime: una varietà si chiama Sanacore, perché l’aromaticità ed il sapore le fanno attribuire la capacità di dare piacere, oltre che al gusto, anche al sentimento, l'altra si chiama Ariddu di core (ovvero: seme a cuore) per la forma caratteristica del seme che richiama il cuore. La sanacore si raccoglie a partire dalla prima decade di luglio fino alla metà di agosto, la ariddu di core invece è tardiva e particolarmente zuccherina. I frutti, che piegano fino a terra i rami degli alberelli, si raccolgono dalla metà di agosto fino ai primi di settembre. Entrambe sono delicatissime: durante la raccolta è necessario manipolarle il meno possibile per non intaccare la pruina, ovvero la patina bianca che le ricopre, e non si deve staccare il peduncolo. Non è semplice: uno dei problemi degli agricoltori è trovare infatti braccianti esperti per la raccolta. Le susine bianche sono state recuperate grazie a un lavoro di ricerca sul germoplasma autoctono siciliano curato dal Dipartimento di Colture Arboree dell'Università di Palermo ma è la passione di alcuni frutticoltori più anziani che ha conservato nel tempo gli alberelli delle antiche varietà di susine, alcuni dei quali hanno ben più di una trentina d'anni. La maggior parte delle piante di ariddu di core è conservata invece in un unico fazzoletto di verde circondato da costruzioni e cemento nel comune di Monreale.

Il Presidio
Il Presidio riunisce attualmente due coltivatori di queste due antiche varietà di susine bianche: quasi tutti i giardini di Monreale hanno di questi alberi ma sono rimasti in pochi a coltivare almeno un ettaro di susini e a ricavarne un reddito. Attualmente gli agricoltori vendono direttamente le susine sul mercato o le affidano a grossisti dei mercati generali di Palermo e di Trapani. Le susine bianche di Monreale sono molto apprezzate dai palermitani, perlomeno quelli più anziani - i giovani già non le distinguono dai tanti ibridi internazionali - ma altrove non sono conosciute. Obiettivo del Presidio è vendere sotto un marchio comune le susine e creare un mercato alternativo più vasto, dove i frutti possano spuntare un prezzo più remunerativo. Ma soprattutto, recuperare la tradizione dell'incartatura della cultivar ariddu di core: le donne del Presidio stanno collaborando tra loro per la produzione di susine incartate, marmellate, susine sotto sciroppo e susine candite utilizzate anche per la decorazione di dolci e cassate.

I produttori

 

Giovanni Madonia
Monreale (Pa)
Via del Monte, 3
tel. +39 091 6405139

Marilù Monte
Pioppo Monreale (Pa)
Contrada Cozzo del Pigno
tel. +39 091 8889148
+39 328 9714674
monte@susinebianche.com
www.susinebianche.com

 

 

Referente dei produttori del Presidio
Marilù Monte, tel. +39 328 9714674 +39 091 6168151 monte@susinebianche.com

Susine bianche di Monreale

Il susino, insieme agli agrumi - arance e mandarini in particolare – è una delle coltivazioni tradizionali della Conca d'oro insieme a gelsi, nespoli, fichi: un tempo nei giardini intorno a Palermo se ne contavano più di 10 varietà e un testo descrittivo del Seicento di Francisco Cupani (Hortus Catholicus, 1696) si trovano riferimenti precisi alla "bruna di cori janchi e niure". Fino a cinquanta, sessanta anni fa questa zona era un enorme frutteto interrotto da poche case di villeggiatura ma l'espansione edilizia di Palermo, dopo aver occupato la costa, ha invaso l'entroterra e ha cancellato buona parte degli agrumeti e dei frutteti cantati dai poeti del Grand Tour. E insieme alle coltivazioni sono scomparse anche le susine "incartate" che riempivano in autunno le bancarelle dei mercati di Ballarò e della Vuccirìa. Con l'incartatura, praticata dopo la raccolta, le susine più tardive, le Ariddu di core, si conservavano fino a Natale. Le donne di casa confezionavano i frutti in lunghi salamini di carta velina, uno ad uno, ben chiusi e legati con lo spago. Ogni salamino di carta conteneva una decina di susine. Le appendevano in un luogo fresco e i frutti si disidratavano e si raggrinzivano, conservando però intatti profumi e sapori per i pranzi delle feste.
Le susine bianche di Monreale sono piccole, a buccia giallo chiara e dolcissime: una varietà si chiama Sanacore, perché l’aromaticità ed il sapore le fanno attribuire la capacità di dare piacere, oltre che al gusto, anche al sentimento, l'altra si chiama Ariddu di core (ovvero: seme a cuore) per la forma caratteristica del seme che richiama il cuore. La sanacore si raccoglie a partire dalla prima decade di luglio fino alla metà di agosto, la ariddu di core invece è tardiva e particolarmente zuccherina. I frutti, che piegano fino a terra i rami degli alberelli, si raccolgono dalla metà di agosto fino ai primi di settembre. Entrambe sono delicatissime: durante la raccolta è necessario manipolarle il meno possibile per non intaccare la pruina, ovvero la patina bianca che le ricopre, e non si deve staccare il peduncolo. Non è semplice: uno dei problemi degli agricoltori è trovare infatti braccianti esperti per la raccolta. Le susine bianche sono state recuperate grazie a un lavoro di ricerca sul germoplasma autoctono siciliano curato dal Dipartimento di Colture Arboree dell'Università di Palermo ma è la passione di alcuni frutticoltori più anziani che ha conservato nel tempo gli alberelli delle antiche varietà di susine, alcuni dei quali hanno ben più di una trentina d'anni. La maggior parte delle piante di ariddu di core è conservata invece in un unico fazzoletto di verde circondato da costruzioni e cemento nel comune di Monreale.

Il Presidio
Il Presidio riunisce attualmente due coltivatori di queste due antiche varietà di susine bianche: quasi tutti i giardini di Monreale hanno di questi alberi ma sono rimasti in pochi a coltivare almeno un ettaro di susini e a ricavarne un reddito. Attualmente gli agricoltori vendono direttamente le susine sul mercato o le affidano a grossisti dei mercati generali di Palermo e di Trapani. Le susine bianche di Monreale sono molto apprezzate dai palermitani, perlomeno quelli più anziani - i giovani già non le distinguono dai tanti ibridi internazionali - ma altrove non sono conosciute. Obiettivo del Presidio è vendere sotto un marchio comune le susine e creare un mercato alternativo più vasto, dove i frutti possano spuntare un prezzo più remunerativo. Ma soprattutto, recuperare la tradizione dell'incartatura della cultivar ariddu di core: le donne del Presidio stanno collaborando tra loro per la produzione di susine incartate, marmellate, susine sotto sciroppo e susine candite utilizzate anche per la decorazione di dolci e cassate.

I produttori

 

Giovanni Madonia
Monreale (Pa)
Via del Monte, 3
tel. +39 091 6405139

Marilù Monte
Pioppo Monreale (Pa)
Contrada Cozzo del Pigno
tel. +39 091 8889148
+39 328 9714674
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.susinebianche.com

 

 

Referente dei produttori del Presidio
Marilù Monte, tel. +39 328 9714674 +39 091 6168151 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search