Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in

di Giovanni Paternò

Della decima edizione del concorso “Selezione vini di Toscana” avrete sicuramente letto qui.

Nell'attesa dei risultati, della premiazione e della manifestazione con degustazioni che si svolgerà a Siena il 24 e 25 novembre vi vogliamo raccontare le nostre impressioni sul concorso e sui vini che abbiamo giudicato.
 
Il concorso
La formula ci sembra abbastanza azzeccata e meriterebbe di essere applicata, magari copiata, in altre regioni o in altri ambiti tipo consorzi DOP e Strade del vino.
Le aziende che desiderano partecipare segnalano i vini che saranno identificati secondo le categorie previste dal concorso, nel nostro caso ben 17. Un inviato dell'organizzazione si reca allora presso la cantina e sceglie le bottiglie che saranno inviate al concorso e questa procedura c'è piaciuta perchè garantisce la casualità della qualità. Per partecipare l'azienda inizialmente non paga alcunché. Solamente per i vini che hanno superato la selezione e quindi ottenuto un punteggio di almeno 85/100 l'azienda pagherà quanto previsto dal regolamento che potrete consultare qui. Di contro oltre all'ottenimento dell'ambito riconoscimento, tutti i vini vincitori saranno inseriti in un data base che  multimedialmente comprenderà tutti i dati e le schede tecniche relative per favorire i contatti con i mercati nazionali e internazionali.


i campioni anonimi

La scheda di valutazione
Come detto nella puntata precedente, la scheda utilizzata dalle 9 commissioni è quella dell'Union Internationale des Oenologues e dell'ONAV che comprende ben 14 parametri, forse troppi, di cui addirittura 3 per la vista. Questo attribuire un punteggio ai parametri visivi in un concorso alla cieca ci sembra assurdo e fuorviante in quanto ogni vino ha le sue caratteristiche colorimetriche e non si può penalizzare un ottimo vino dalle tinte tenui rispetto ad uno dai colori forti, magari meno interessante. Pertanto lo scrivente ha valutato tutti i vini col medesimo punteggio: eccellente, ottimo, ottimo, così riservando i veri punteggi alle reali qualità organolettiche. Nei 4-5 minuti che si hanno a disposizione per la valutazione di un vino se ne impiegano un paio per la compilazione materiale della scheda e specialmente per sommare i valori attribuiti e non commettere errori. Restano circa 2 minuti per l'identificazione e la valutazione dei parametri e spesso questi tempi sono appena sufficienti.


 scheda di valutazione

L'organizzazione.
Il lavoro effettuato dal personale dell'Enoteca Italiana e dall'Assoenologi per preparare e organizzare il concorso, per classificare e anonimare i campioni, per seguire l'ordine di servizio per le varie categorie, per distribuire, raccogliere, pulire, ridistribuire i circa 28 bicchieri per commissario, per un totale di circa 1.800 per sessione, oltre a tutto il materiale occorrente, è stato veramente impegnativo. I compiti materiali erano svolti da un gruppo di sommeliers professionisti che sono stati impeccabili e anche simpaticamente coreografici con i loro movimenti coordinati all'unisono e con una ritualità di servizio del vino accurata ed efficace.

I vini fino al 2008 sono stati serviti direttamente dalle bottiglie mentre quelli più vecchi sono stati scaraffati di fronte ai commissari. Il tutto è stato coordinato con una puntualità da treno giapponese.
 
I vini
Infine diciamo qualcosa su ciò che sicuramente interessa maggiormente i nostri quattro lettori. Abbiamo partecipato a tre sessioni, la prima su 26 vini comprendeva 4 del 2010 di “vini rossi IGP delle vendemmie 2011 e 2010 a uvaggio misto”; 17 della categoria “vini rossi IGP delle vendemmie 2009 e precedenti a uvaggio misto” di cui 9 del 2009, 6 del 2008,2 del 2007;  5 “rossi DOP 2007 e precedenti a uvaggio misto” di cui 3 del 2007 e 2 del 2006. Chiaramente il fatto che i blend potevano essere di vario tipo hanno fatto si che è stata la sessione con vini che mostravano più differenze e diversità, per cui sicuramente la più difficile da valutare. Pochi non hanno superato la nostra valutazione di 85 punti e un DOP del 2006 ha meritato 91.
 
Nella seconda sessione:  8 “ vini bianchi e bianchi DOP e IGP” di cui 1 del 2010 e gli altri del 2011, di questi 2 insufficienze e i rimanenti di ottima fattura; 5 “rossi IGP vendemmie 2011 monovitigno” che sono stati quelli che meno ci sono piaciuti in quanto disarmonici e dai tannini ancora selvatici, tanto che abbiamo dato 3 insufficienze; 10 “rossi DOP 2009 a uvaggio misto” di cui solo 2 insufficienze ma in compenso molti voti alti fino ad un 92; 3 “passiti naturali o di vendemmia tardiva DOP e IGP” che a noi abituati al tripudio di profumi di quelli siciliani non sono piaciuti molto.
 
Alla terza sessione: 6 “rossi DOP 2010 monovitigno sangiovese; 7 del 2009 e 4 del 2008 “rossi DOP di monovitigno sangiovese”; 2 “rossi DOP e IGP 2009 con vitigni toscani minori” che ci hanno affascinato, specie il secondo, perchè si differenziavano con evidenza dai soliti sangiovesi;6 del 2007 e 1 del 2006 “rossi DOP riserva”.Questa è stata la sessione che si è rivelata meno uniforme, più altalenante, in cui si evidenziava che il sangiovese assume caratteristiche differenti per territorio e/o per vinificazione.


si versa il campione

Le nostre conclusioni: i vini toscani, anche i bianchi, hanno raggiunto un alto gradino di qualità se pensiamo che il voto più basso che abbiamo attribuito è stato 81/100, la maggior parte merita di far parte della Selezione, con alcune eccellenze. Comunque caratteristica comune di tutti i rossi è la notevole tannicità,  per cui spesso non bastano 6 anni di affinamento, che in alcuni e non pochi casi rende la bocca allappata. Ci siamo dovuti dimenticare di essere siciliani, di apprezzare i nostri vini che in pochi anni sono già armoniosi ed equilibrati, per diventare notai e giudici imparziali.
Last but not least: ci tocca rimarcare che un'altissima percentuale, circa il 7 %, di bottiglie si sono rivelate con evidenti difetti e sentori di tappo per cui si è dovuti ricorrere alla seconda e addirittura la nostra commissione è incappata in due bottiglie ingiudicabili dello stesso vino. Ma il sughero continua a non essere messo in discussione, almeno in Italia, e questi sono i risultati.


Giovanni Paternò

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search