Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in


La zuppa umbra dell'alleanza

da Torino Daniela Corso

Fagiolina del Trasimeno, fava cottòra dell’Amerino e roveja di Civita da Cascia, sono tre legumi presìdio Slow Food che riuniti in una zuppa sono tra i simboli dello slogan dell’attuale edizione del Salone del gusto: “cibi che cambiano il mondo”.

 A presentarli , insieme a tre produttrici, Angelica D’Antonelli, Elisabetta Mazzeschi e Silvana Crespi, il presidente nazionale di Slow Food Roberto Burdese che ha così spiegato la scelta di questo piatto, emblema di fratellanza: “L’attuale momento di crisi esalta un’opzione di vita nella produzione di cibo e nell’agricoltura che mai come oggi si prospetta tanto interessante. Inoltre, finalmente inizia a realizzarsi quel cambiamento da noi tanto auspicato che ha come protagonisti le donne e i giovani, per troppo tempo distanti dal mondo agricolo. La scelta di consumare legumi – continua Roberto – permette di ridurre il consumo di carne, di recuperare biodiversità, di avere una dieta più ricca di gusto, senza dimenticare che fa bene all’ambiente e migliora la qualità agronomica”.

Tanti motivi per compiere una scelta consapevole ogni volta che mangiamo sostenendo, come in questo caso, un’agricoltura di recupero. Le aree in cui avvengono le coltivazioni di questi semi antichi sono, infatti, piuttosto impervie e a quote abbastanza elevate il che rende la loro raccolta difficile e la produzione ancora molto limitata.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search