Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Taormina Gourmet 2016
di C.d.G.


(Giorgio Damini e Alessandra Meldolesi - ph Vincenzo Ganci)

Il penultimo cooking show di Taormina Gourmet ha come protagonista Giorgio Damini macelleria e affini, stella Michelin dal 2014, che propone una ricetta extra limes, fuori dai confini del gusto, perfettamente in tema con la manifestazione promossa da Cronache di Gusto: la "frittella di pacchero, rognone e wasabi".

La carne è al centro della sua cucina perché la sua è una famiglia di macellai da quattro generazioni. "La nostra carne è speciale, è diversa perché noi esercitiamo un controllo di filiera, selezioniamo gli animali e quando la carne arriva sul banco siamo sicuri di quello che proponiamo ai clienti - afferma Damini - Per noi è importante chi alleva le mucche, anche se tratta carni di altre nazioni, perché a seconda del taglio si deve scegliere l'animale giusto. Per me prima di tutto la cucina deve essere buona". 

In questa ricetta è stato presentato nuovamente il quinto quarto, come ieri nel cooking show di Emanuele Cottone (leggi qui) e lo chef Damini conferma che il rognone non è facile da proporre. Infatti nel suo ristorante è presente solo nel menù degustazione. Per la preparazione del piatto lo chef racconta che la pasta viene prima bollita, stracotta e poi seccata, infine soffritta in olio bollente. Il rognone, invece, pulito e tagliato a fettine, si lascia a bagno una notte nel latte e poi si rosola. Si prepara il wasabi a parte facendo una purea e si compone il tutto.

Questo piatto contiene in se un po' di Francia nella scelta della carne, un po' di Giappone con l'aggiunta del wasabi e un po' di Italia con alla base la pasta. Un piatto internazionale che ha raccolto il consenso del pubblico presente che lo ha definito abbastanza delicato, in cui la croccantezza del pacchero
fritto è risultata molto piacevole mentre il wasabi ha mitigato il sapore del rognone. Al piatto è stato abbinato il vino Cont'Ugò - Bolgheri Doc - Tenuta Guado al Tasso della Cantina Antinori.

Fabiola Pulieri

ALCUNE IMMAGINI DEL COOKING SHOW















 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gabriele Boffa

Locanda del Sant'Uffizio Enrico Bartolini

Cioccaro di Penango (At)

1) Asparago, seirass e tuorlo al curry

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search