Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi

Andrea Camaschella

Marina V. Carrera

Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone

Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri

Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi

Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri

Enzo Raneri

Mauro Ricci

Emanuele Scarci

Marco Sciarrini

Sara Spanò

Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli

Maristella Vita

Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 09 Aprile 2016
di C.d.G.

Syrah, Sicilia Doc

di Gianni Paternò

Dalla produzione cinquantennale e vendita di uve al grande successo odierno, ma ormai pluriennale, sono passati solo 9 anni. E’ bastato avere 30 ettari di terra giusta, una intelligente capacità imprenditoriale, una lunga esperienza di campagna e specialmente un’intensissima passione per le proprie zolle, per l’instancabile lavoro, per l’affiatamento di squadra. Così Angelo Bonetta, ormai sulla soglia degli 80 anni, e i figli Carmelo e Mimmo hanno fatto di questa azienda una chicca nel mondo del vino italiano, un’azienda che vende ogni anno tutto il prodotto, che conquista premi. Purtroppo Mimmo è di recente scomparso prematuramente lasciando un profondo vuoto sia nella famiglia sia in tutti quelli che hanno avuto la fortuna di apprezzarne le qualità umane e caratteriali (ne parlavamo qui).


(Mimmo, Angelo e Carmelo Bonetta)

Siamo a Campobello di Licata, nell’agrigentino, in contrada Favarotta detta “du Cristu” perche c’è una statua di Gesù in croce molto venerata dai locali, da qui prende il nome. Terreni a circa 250-300 metri, calcarei, ricchissimi di gessi, viti reimpiantate con attenzione, maniacali cure colturali, trattamenti ridotti allo stretto necessario, una nuovissima cantina attrezzata col meglio che c’è in giro: tini in legno-acciaio, controlli computerizzati, per fare un esempio ed anche lì massima attenzione all’ordine e alla pulizia.


(La cantina)

Da qualche anno l’azienda è al regime massimo di produzione: 300 mila bottiglie e i Bonetta, proprio per non stravolgere il loro attento lavoro, non hanno in programma ulteriori acquisizioni.


(I vigneti Syrah e, sullo sfondo, la cantina) 

La ricerca della perfezione si ritrova anche nella comunicazione e nell’immagine con un packaging particolarmente curato ed elegante, un sito web costantemente aggiornato, un grande enologo: Riccardo Cotarella, il non aumento dei prezzi, una vinificazione separata per particelle. Così si completa il quadro di un successo notevole. Nove le etichette, l’ultima un Rosato, che vanno al 35% all’estero, mercato in continua crescita.


(Diradamenti del Syrah) 

Questa volta parliamo di Lusirà il cui nome, dato da Angelo, scaturisce dal dialetto siciliano di “il Syrah”.
Viti piantate nel 2000 con cloni ricavati da una loro vecchia vigna, 5.000 piante per ettaro a cordone speronato, 250 metri di altezza, resa di 80 quintali per ettaro.


(Terreno gessoso)

Vendemmia ad uve mature dalla seconda metà di settembre in cassette che percorrono meno di un chilometro per recarsi in cantina dove le uve sono diraspate, pigiate sofficemente, macerate per almeno 18 giorni a temperatura controllata e continui rimontaggi per estrarre il massimo. Affinamento di circa 14 mesi in barrique di vari roveri francesi di diversi passaggi, decantazione statica e leggera filtrazione, vista la sanità delle uve e della vinificazione pochi i solfiti totali, poi in bottiglia per almeno un anno.

Versato nel calice il colore è rosso rubino brillante. All’olfatto è immediato, bastano poche rotazioni e un effluvio intenso vi invade: note di frutta rossa matura, ma ancora viva, spezie in quantità, cioccolato, liquirizia rinfrescante, in sottofondo il terziario del legno; un naso stupefacente di immense complessità ed eleganza, che non vorreste stancarvi di indagare. Incredibile. In bocca colpisce la morbidezza vellutata, l’armonia globale, la fragranza della frutta che questa volta diventa sotto spirito; tannini ed acidità esemplari, un retrogusto lungamente corroborante. Un Syrah di classe.

Facile da abbinare, apprezzatelo con penne rigate al ragù di salsiccia, con un risotto ai funghi porcini, con una costata alla griglia, uno spezzatino rosso con patate, un pecorino di media stagionatura. E se lo sorseggiate in salotto potete fare a meno di un distillato. Sono 14 mila bottiglie che allo scaffale trovate a 22 euro. Ne vale di più.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Baglio del Cristo di Campobello 
Contrada Favarotta
Strada Statale 123 Km. 19,200  
92023 Campobello di Licata (Ag)
tel. 0922 877709
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.cristodicampobello.it
 

 
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search