Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 11 Maggio 2019
di C.d.G.

di Federico Latteri

Castello Monaci è l'azienda salentina del Gruppo Italiano Vini. La grande proprietà è composta da tre tenute. 

La più estesa è quella di Salice Salentino, dove si trovano140 ettari di vigneti che circondano lo splendido castello che dà il nome alla cantina e edifici più moderni dove hanno sede il centro produttivo con strutture all'avanguardia per la vinificazione e un'enorme barricaia e l'importante museo del vino.


(Castello Monaci)

Qui, su un suolo argilloso con abbondante presenza di tufo, vengono coltivate varietà autoctone come Primitivo, Malvasia Nera di Lecce e Negroamaro e alloctone come Syrah e Chardonnay. La tenuta di Trepuzzi è costituita da 10 ettari vitati, tutti di Primitivo, che si estendono intorno all'antica Masseria Vittorio. Il terreno rosso ricco di ferro e le metodiche artigianali di lavorazione permettono di ottenere da quest'area vini eleganti dalla forte personalità.

Infine, in prossimità della costa e a qualche chilometro da Brindisi, si trova la Masseria Flaminio con 60 ettari nei quali ci sono vitigni a bacca bianca, soprattutto Verdeca, Fiano e Chardonnay, accanto a piccole parcelle destinate a sperimentazione e ricerca. I terreni sabbiosi contribuiscono alla sapidita e alla mineralità che troviamo nei bianchi provenienti da questa zona.


(La cantina)

Il nucleo originario di Castello Monaci risale al 1400, mentre la moderna cantina fu realizzata nel 1970 da Maria Provenzano e dal marito Enzo Memmo, genitori di Lina, moglie di Vitantonio Seracca Guerrieri, presidente dell'azienda per molti anni che ha da poco passato la mano al figlio Luigi. Oggi i cardini della filosofia produttiva sono l'interpretazione delle tipicità del terroir salentino e la sostenibilità ambientale con grande attenzione rivolta alle fonti energetiche, ai vari cicli di lavorazione e alla biodiversità. Sono circa 2 milioni le bottiglie che vengono immesse sul mercato ogni anno.

Degustiamo il Primitivo Salento Pilùna 2017, un rosso figlio dei fertili suoli e del caldo sole di questa parte della Puglia. Il suo nome deriva dal termine utilizzato nel Griko, antica lingua del luogo, per indicare i contenitori di tufo dove un tempo si conservava il vino. Le uve provengono da vigneti ad alberello e cordone speronato situati a 30 metri sul livello del mare nel territorio di Salice Salentino. Vengono vendemmiate in parte a mano e in parte a macchina nelle prime ore del mattino, lontano dai momenti più caldi della giornata. La vinificazione prevede una fermentazione alcolica a temperatura controllata con macerazione sulle bucce per 14 giorni e numerosi rimontaggi. Dopo aver svolto la malolattica, una parte del vino matura in barrique francesi di secondo e terzo passaggio, mentre il resto affina in acciaio.

Nel calice il Pilùna offre un colore rosso rubino abbastanza carico. Ha un naso di buona intensità caratterizzato da profumi di amarena matura e prugna, accompagnati da note vanigliate e tenui sentori di pepe bianco. Il sorso è strutturato, discretamente morbido, equilibrato e persistente con un finale graduale e fruttato. E' sicuramente un prodotto ben fatto con un ottimo rapporto qualità-prezzo. Può essere abbinato a primi piatti dal sapore ricco, arrosti di carne e formaggi a media o lunga stagionatura.

Rubrica a cura di Salvo Giusino     

Castello Monaci
Via Case Sparse, Contrada Monaci - Salice Salentino (Le)
t. +39 0831 665700
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.castellomonaci.it
 

IL VINO IN PILLOLE


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search