Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

di Federico Latteri

Poggio di Bortolone è un’azienda che ben interpreta il legame tra le tradizioni del passato e le moderne tecnologie. Fu fondata dalla famiglia Cosenza alla fine del '700 e da allora è stata sempre tramandata da padre in figlio. 

Negli anni '70 Ignazio Cosenza, padre di Pierluigi, l’attuale proprietario, iniziò a imbottigliare vino ed olio, dando così inizio alle attività di una realtà agricola moderna che da qui in poi registrò una serie continua di progressi. Nel 1982 venne imbottigliato il primo Cerasuolo; negli anni '90 furono piantati vitigni internazionali, successivamente venne ampliata l’offerta dei vini e infine, nel 2009, fu completata la nuova cantina realizzata interamente sotto terra. Ci troviamo in provincia di Ragusa, nel territorio di Chiaramonte Gulfi, un’area collinare in cui da sempre si coltivano la vite e l’olivo.


(Pierluigi Cosenza)

La tenuta si estende per oltre 60 ettari all’interno dei quali si trovano numerose specie vegetali e una ricca fauna selvatica. Questa biodiversità contribuisce a creare un paesaggio di grande bellezza che è reso ancor più vario dalla presenza di due torrenti, il Para Para e il Mazzarronello. Inoltre ci sono alcune preziose strutture che rappresentano la memoria storica di Poggio di Bortolone: un palmento dell’Ottocento con un grande torchio in legno, un’antica macina per le olive in pietra calcarea e un mulino ad acqua attualmente in fase di restauro.

I vigneti, 15 ettari in tutto, si trovano ad un’altitudine compresa tra 220 e 270 metri sul livello del mare su terreni prevalentemente sabbiosi dotati di scarsa capacità di trattenere l’acqua. In questo modo le esigue risorse idriche a disposizione delle viti favoriscono la produzione di uve di alta qualità. Le attività agricole vengono portate avanti cercando di ridurre al minimo l’impatto ambientale. Si applicano protocolli di difesa integrata che consentono un uso ridottissimo di fitofarmaci. Le varietà di uva coltivate sono rappresentate dagli autoctoni Nero d’Avola e Frappato accanto ai quali si trovano gli alloctoni Petit Verdot, Syrah e Cabernet Sauvignon. L’azienda possiede anche alcuni ceppi di Grosso Nero, vitigno della Sicilia sud orientale un tempo usato nell’uvaggio del Cerasuolo di Vittoria e oggi assai poco diffuso.

Anche se le uve non vengono vinificate, queste piante sono attentamente custodite al fine di evitarne la scomparsa. Le bottiglie prodotte annualmente sono circa 70 mila, divise in una gamma composta da 8 etichette tra le quali ricordiamo i tre Cerasuolo di Vittoria Docg Classico, il Poggio di Bortolone, il più fresco Contessa Costanza e l’importante Para Para, il Pigi, blend di Syrah e Cabernet Sauvignon, il Vittoria Frappato e il rosato Rosachiara. Ci è piaciuto molto il Cerasuolo di Vittoria Docg Classico Poggio di Bortolone 2014, un rosso che coniuga uno stile tradizionale con la capacità di andare verso una completezza e una complessità non comuni nella denominazione. E’ forse il prodotto che meglio rappresenta questa cantina. E’ fatto con uve Nero d’Avola per il 60 % più un 40% di Frappato, tutte provenienti da vigneti di 15 anni di età situati attorno al centro aziendale a Chiaramonte Gulfi.

La fermentazione si svolge a temperatura controllata di 25 gradi e dura almeno 10 giorni. Il vino viene affinato in acciaio inox per 18 mesi. Si presenta di colore rosso rubino carico. All’olfatto è intenso e variegato con profumi di ciliegia e fragoline, sentori di cioccolato fondente e chicchi di caffè tostato. Il sorso è fresco, dinamico, equilibrato e provvisto di un lungo finale nel quale è presente una nota sapida. Di qualità i tannini. L’armonia gli conferisce un’ottima bevibilità. Fa venire subito in mente i piatti della tradizione siciliana. Accompagna molto bene il falsomagro, la caponata di melanzane o il ragù delle feste. E’ ottimo con i formaggi a media e lunga stagionatura e con tantissime preparazioni a base di carni rosse. Ne sono state prodotte 20 mila bottiglie che si trovano in enoteca al prezzo di 14 euro.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Poggio di Bortolone
Via Bortolone, 19 – località Roccazzo
Chiaramonte Gulfi (Rg)
0932 921161
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.poggiodibortolone.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

3) Scampi dello Jonio, foie gras e castagne silane

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search