Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 06 Agosto 2016
di C.d.G.

Montecarlo Doc

 

di Gianni Paternò

La storia passata, ma non troppo, di Tenuta del Buonamico l’abbiamo scritta qui, per cui non ve la ripetiamo. Per chi è troppo pigro perfino a cliccare riassumiamo che si risale alla fine dell’800 con Giulio Magnani che riporta la sua esperienza bordolese a Montecarlo, ridente paese tra Lucca e Montecatini.
Dopo alcuni avvicendamenti nel 2008 la Tenuta fu acquistata da Dino Fontana che così affiancò il vino alla sua fiorente attività nell’olio extravergine. Oggi tutta la proprietà è diventata di 100 ettari, con l’acquisto di una seconda fattoria sempre a Montecarlo a soli 3 chilometri dalla Buonamico, sono stati fatti nuovi impianti per cui i 18 ettari vitati originali sono diventati 48 di cui 36 in produzione per 4 bianchi, 4 rossi e altrettanti spumanti in una terra, la Toscana, finora affatto dedicata alle bollicine. Un totale di 280 mila bottiglie di cui oltre 60 mila di spumanti. Dino si occupa principalmente di produzione in campagna ed in cantina, il figlio Eugenio di commercializzazione e marketing.


(Eugenio Fontana)

L’enologo è Alberto Antonini. Particolare attenzione è posta alle visite in azienda e alle degustazioni. Per il prossimo anno è in programma l’apertura di un wine resort, a 100 metri dalla recentemente rinnovata cantina.


(La cantina) 

Nel 1969 è nata la Doc Montecarlo, una denominazione del tutto particolare nell’ambito toscano in quanto ha risentito dell’impronta e dei vitigni di Bordeaux importati dal Magnani. Visto che recensiamo un bianco vi diciamo che il disciplinare prevede l’utilizzo del Trebbiano toscano dal 30 al 60%, Semillon, Pinot grigio, Pinot bianco, Vermentino, Sauvignon, Roussanne che devono essere presenti in numero di almeno 3 vitigni per una percentuale dal 40 al 70 %.

 

Ci occupiamo di Etichetta Bianca, l’ultimo nato della Tenuta, un altro Montecarlo con Trebbiano, Pinot bianco, Sauvignon, Malvasia e Semillion che rispetto a quello classico contiene più Semillion ed aggiunge la Malvasia per ottenere un profilo quasi aromatico più denso di profumi. Le uve provengono dalla località Cercatoia in Montecarlo, uve scelte e vinificate separatamente con lieviti selezionati, tutto il processo si svolge in acciaio e senza la fermentazione malolattica. A febbraio si compone il vino e si imbottiglia con un riposo almeno un mese prima di essere commercializzato.

 

Versato nel calice il colore è giallo tendente al dorato. Immergendovi il naso si ha l’impressione di essere entrati in un negozio di fiorista e successivamente dal fruttaiolo che vende in prevalenza pesca bianca, albicocca ma anche erba tagliata, fieno verde; uscendo dai negozi si avvertono intense note minerali come di terra che emana un piacevole profumo subito dopo un breve acquazzone estivo. Intenso, complesso di grande eleganza. In bocca continua ad eccellere con una sapidità in equilibrio con l’acidità, vigorosa struttura, un accompagnamento amarognolo che arricchisce un retrogusto che va spegnendosi molto lentamente. Non c’è che dire, è proprio splendido. Ha anche il pregio di un grado alcolico non elevato: 12,5° anche se l’impressione sia ben diversa.

 

Godiamolo come aperitivo, abbiniamolo ai crostacei, a pesci non troppo delicati, ad un risotto ai funghi o con pisellini, a carni bianche, a formaggi anche stagionati. Sono 8 mila bottiglie ad un prezzo di soli 10 euro.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

 
Tenuta del Buonamico
via Provinciale 43
55015 Montecarlo (Lu)
tel. 0583 22038
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.buonamico.it
 
 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search