Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 13 Febbraio 2016
di C.d.G.

Collio Doc

di Gianni Paternò

Noto albergatore e ristoratore nell’alto Friuli, Mario Fantinel, che il proprio mestiere lo svolgeva con competenza e passione, nel 1969 acquistò i primi vigneti nel Collio perchè desiderava offrire ai suoi clienti il meglio. Questo amore per il vino lo trasmise ai figli Luciano, Gianfranco Loris che, attraverso un lungo lavoro di selezione, ampliarono le proprietà della famiglia acquisendo i migliori vigneti nelle zone più vocate del Friuli Venezia Giulia.


(Luciano, Loris e Gianfranco Fantinel)

Quella piccola azienda agricola, con la terza generazione guidata da Marco, il presidente, si è trasformata in una cantina dal prestigio internazionale, oltre 300 ettari di vigneti nelle zone Doc: Grave, Prosecco, Collio e Colli Orientali del Friuli, zone particolarmente vocate alla produzione di particolari vitigni sia per i terreni che per il microclima.


(Marco Fantinel)

Fantinel è un’affermata azienda che produce 4,5 milioni di bottiglie l’anno esportando in 90 paesi.


(Vigneti di Tenuta Sant'Helena)

Sede dell’azienda e cantina a Tauriano di Spilimbergo e vini suddivisi in tre linee: Tenuta Sant’Elena nel Collio, quasi al confine con la Slovenia, dove nascono vini dal corredo aromatico intrigante, dal corpo robusto ed avvolgente e dalle sorprendenti potenzialità evolutive; Borgo Tesis, nel Grave del Friuli attorno alla cantina, da cui derivano vini ricchi di personalità; infine gli Spumanti, settore in cui Fantinel è più conosciuta, sempre nel Grave, con spumanti e Prosecco esclusivamente Charmat senza trascurare la qualità e senza cedere alla moda dei metodo classico che era anche adottato fino al 1998. Affiancano i vini, tra l’altro, un’azienda di prosciutti San Daniele, una joint-venture con Italia Independent di Lapo Elkann per una linea dei migliori Prosecco millesimati, un ristorante a Vencò di Dolegna.


(Terreno del Collio)

Delle oltre 20 etichette recensiamo il Pinot Grigio Tenuta Sant’Helena, un Collio Doc, denominazione che comprende 8 comuni della provincia di Gorizia in cui la coltivazione del Pinot Grigio è particolarmente diffusa. Le uve provengono dalla vigne di Vencò a Dolegna del Collio, 35 ettari con terreni marnosi, fertili, provenienti dalla disgregazione glaciale dei monti, colline anche ripide a quote dai 200 ai 270 metri, molto ventilate tanto che i trattamenti sono effettuati per un massimo di 3 volte l’anno.


(Pinot Grigio)

La vendemmia è effettuata a mano e le uve in cassette percorrono 2 volte al giorno i 64 chilometri per la cantina in camion refrigerati. A Tauriano sono diraspate e pressate dolcemente prendendo solo il 65% del mosto; una refrigerazione a 2 o 3 gradi per 24-36 ore con decantazione statica e illimpidimento, travaso e fermentazione a 15-16 gradi con lieviti selezionati da circa 25 anni di esperienza. La fermentazione dura 20 giorni, ulteriore refrigerazione a meno  di 10°, riposo per circa un mese nei lieviti tenuti in sospensione, chiarifica e filtrazione leggera poi in bottiglia dove riposa almeno un mese. Solfiti totali bassi, al massimo 110 milligrammi per litro. Secondo le annate il vino può fare la fermentazione malolattica. L'enologo è Alberto Zanello.

Versato nel bicchiere il colore è giallo paglierino, Al naso è intenso, profumato di rosa, viola, mela, qualche ciuffo di paglia, una scaglia di pietra focaia, elegante, franchissimo. In bocca arriva rotondo, inizialmente morbido per crescere poi con un’equilibrata e fragrante mineralità, una giusta acidità, una succulenta salinità, un’armoniosa struttura, un lungo finale con un retrogusto di mandorla un filo amarognola.
 
Bianco di uso ad ampio spettro, abbiniamolo con un risotto ai carciofi, tortelli di zucca, spigola ai ferri, formaggio Montasio. Sono 80 mila le bottiglie che si trovano allo scaffale a 20 euro.
 

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Fantinel
via Tesis 8
33097 Tauriano di Spilinbergo (Pn)
tel. 0427 591511
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.fantinel.com


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search