Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

A proposito del Marsala, tra produttori che hanno favorito il declino e chi tutela l'eccellenza. La testimonianza di un marsalese Doc

Il rilancio è possibile

di Attilio L. Vinci *

Riceviamo e volentieri pubblichiamo.

“Il vino Marsala, ormai un trucco enologico e nient’altro!…Non credo in tutta la DOC! Non vedo futuro!” Il prof. Attilio Scienza, stimatissimo, anche da chi scrive, luminare di vitivinicoltura, presidente del corso di laurea di viticoltura ed enologia dell’Università di Milano,  è sembrato molto duro, rigidamente chiuso da un sentenziar generico e globale nelle accuse su virgolettate. E, nonostante il suo imprecare “peccato” quale “turlupinato” (Vedi intervista di M. Laiacona) pur asserendo verità incontestabili, non sembra nemmeno molto rispettoso della storia e del prestigio di , per sua sincera ammissione, quel grande prodotto, qual è il Marsala, da secoli ritenuto uno dei vini mito dell’enologia italiana, nonché il Principe dei vini italiani da dessert.
Da marsalese, nato  tra i profumi di rovere (papà , falegname, inizialmente produceva anche botti ), e cresciuto tra l’olezzar dei mosti  e gli invitanti profumi del Marsala, avrei piuttosto gioito per una critica, pur sempre dura, ma circostanziata, più mirata. Magari con un finale indicativo di possibilità di rilancio; anche per essere una critica costruttiva. Invece, sempre il prof. Scienza: “Non credo alla serietà che sta dietro alla produzione del Marsala”.
E’  vero ed arcinoto che, purtroppo, alcuni produttori hanno favorito il declino qualitativo.
Com’è vero che è apprezzato,  in ogni angolo del mondo dove vige la civiltà del bere, il Vino Marsala di qualità. Ed addirittura osannato quello di eccellenza.
E per testimoniar il vero alcuni qualificati personaggi  intervenuti  a questo dibattito hanno fatto nomi e cognomi di chi produce eccellenze.
Quando, nel 1994,  Luigi Veronelli mi chiese di scrivere la storia del vino Marsala, che mi definì:il canto della tua terra verso il cielo, e che pubblicò su il numero di dicembre de IL CONSENSO, pretese anche giuste critiche e le possibilità di rilancio; cosiccome m’ha chiesto la FISAR (Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori) per il prossimo numero della rivista Il Sommelier, che propone uno Speciale Sicilia.
E le possibilità di rilancio di sono.
Iniziando dal massimo impegno, serio ed altamente professionale  di tutti i produttori delle uve storiche e del vino. Perché le eccellenze del Marsala sono frutto di un amorevole lavoro in vigna e di un attento affinamento    in cantina . Cambiando il disciplinare: magari ripensando alla coltivazione ad alberello; alla raccolta delle uve grillo al grado zuccherino ideale; al migliore l’utilizzo della mistella; alla riduzione del margine di alcol; a rigidi controlli sugli invecchiamenti. Rendendo molto presente ed efficace il Consorzio di Tutela  (negli ultimi anni, scivolato nel periodo più invisibile della sua storia)Promuovendo una campagna promozionale che fortificherebbe la fedeltà dei consumatori ed amplierebbe gli spazi di mercato. Da prendere ad esempio quella pro Spumante, che, per la prima volta   ha fatto registrare il sorpasso di vendite sullo Champagne.

* giornalista, autore di alcuni libri,
tra cui “Marco De Bartoli” e “ Carlo Nicolosi Asmundo” Collana “I SEMI"
Veronelli Ed.

A proposito del Marsala, tra produttori che hanno favorito il declino e chi tutela l'eccellenza. La testimonianza di un marsalese Doc

Il rilancio è possibile

di Attilio L. Vinci *

Riceviamo e volentieri pubblichiamo.

“Il vino Marsala, ormai un trucco enologico e nient’altro!…Non credo in tutta la DOC! Non vedo futuro!” Il prof. Attilio Scienza, stimatissimo, anche da chi scrive, luminare di vitivinicoltura, presidente del corso di laurea di viticoltura ed enologia dell’Università di Milano,  è sembrato molto duro, rigidamente chiuso da un sentenziar generico e globale nelle accuse su virgolettate. E, nonostante il suo imprecare “peccato” quale “turlupinato” (Vedi intervista di M. Laiacona) pur asserendo verità incontestabili, non sembra nemmeno molto rispettoso della storia e del prestigio di , per sua sincera ammissione, quel grande prodotto, qual è il Marsala, da secoli ritenuto uno dei vini mito dell’enologia italiana, nonché il Principe dei vini italiani da dessert.
Da marsalese, nato  tra i profumi di rovere (papà , falegname, inizialmente produceva anche botti ), e cresciuto tra l’olezzar dei mosti  e gli invitanti profumi del Marsala, avrei piuttosto gioito per una critica, pur sempre dura, ma circostanziata, più mirata. Magari con un finale indicativo di possibilità di rilancio; anche per essere una critica costruttiva. Invece, sempre il prof. Scienza: “Non credo alla serietà che sta dietro alla produzione del Marsala”.
E’  vero ed arcinoto che, purtroppo, alcuni produttori hanno favorito il declino qualitativo.
Com’è vero che è apprezzato,  in ogni angolo del mondo dove vige la civiltà del bere, il Vino Marsala di qualità. Ed addirittura osannato quello di eccellenza.
E per testimoniar il vero alcuni qualificati personaggi  intervenuti  a questo dibattito hanno fatto nomi e cognomi di chi produce eccellenze.
Quando, nel 1994,  Luigi Veronelli mi chiese di scrivere la storia del vino Marsala, che mi definì:il canto della tua terra verso il cielo, e che pubblicò su il numero di dicembre de IL CONSENSO, pretese anche giuste critiche e le possibilità di rilancio; cosiccome m’ha chiesto la FISAR (Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori) per il prossimo numero della rivista Il Sommelier, che propone uno Speciale Sicilia.
E le possibilità di rilancio di sono.
Iniziando dal massimo impegno, serio ed altamente professionale  di tutti i produttori delle uve storiche e del vino. Perché le eccellenze del Marsala sono frutto di un amorevole lavoro in vigna e di un attento affinamento    in cantina . Cambiando il disciplinare: magari ripensando alla coltivazione ad alberello; alla raccolta delle uve grillo al grado zuccherino ideale; al migliore l’utilizzo della mistella; alla riduzione del margine di alcol; a rigidi controlli sugli invecchiamenti. Rendendo molto presente ed efficace il Consorzio di Tutela  (negli ultimi anni, scivolato nel periodo più invisibile della sua storia)Promuovendo una campagna promozionale che fortificherebbe la fedeltà dei consumatori ed amplierebbe gli spazi di mercato. Da prendere ad esempio quella pro Spumante, che, per la prima volta   ha fatto registrare il sorpasso di vendite sullo Champagne.

* giornalista, autore di alcuni libri,
tra cui “Marco De Bartoli” e “ Carlo Nicolosi Asmundo” Collana “I SEMI"
Veronelli Ed.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search