Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Articoli sul Marsala il 05 Maggio 2010
di Redazione

Il produttore Marco De Bartoli. "Una Doc morta ma solo dal punto vista tecnico. Invecchiamento adeguato e uva di qualità sono imprescindibili. E sull'alcol..." 

"Sul Marsala
Scienza ha ragione"

«Il professore Attilio Scienza ha ragione. Sono d’accordo con lui che il Marsala è morto. Conosco bene Scienza. È un grande esperto che conosce la Sicilia e devo dire che oggi rappresenta il pensiero scientifico applicato al vino in Italia». Marco De Bartoli, marsalese, non ha mai perso il piacere della battuta tranchant. Chi lo conosce sa che fa parte del suo carattere. Lui resta un grande produttore di vini siciliani. Spesso incompreso ma assolutamente interprete di un sentire poco comune del vino, e le sue etichette sono conosciute dagli enofili di mezzo mondo. De Bartoli ha letto gli articoli pubblicati su cronachedigusto.it che ormai da giorni sta dedicando ampia attenzione a questo vino siciliano.

Quindi nulla potrà salvare il Marsala?
«No, il problema non è questo perché Scienza non dice che è morto commercialmente. È morto sotto il profilo produttivo. Viene fatto male, il contributo dell’alcol è troppo alto rispetto alla base alcolica ottenuta dall’uva. I tempi di invecchiamento bassi non vanno bene. L’ossatura non c’è. Fare un grande Marsala costa caro. E poi c’è un aspetto generazionale da non trascurare. Dove sono i giovani? Non ce ne sono».

Modificare il disciplinare no?
«Le modifiche vanno fatte e andavano fatte anche prima. Io per esempio, date le mie dimensioni (ventimila bottiglie di Marsala ndr) mi sono adattato alle mie esigenze e quindi il mio vigneto è Doc, il mio pensiero è Doc ma la Doc non mi può impedire di concepire un invecchiamento più lungo di cui il Marsala ha bisogno».

Oltre la Doc, insomma?
«Esatto. Mi sento, purtroppo, oltre la Doc, sono andato oltre, il mio Vecchio Samperi va oltre. Il disciplinare non mi poteva aiutare, ma non l’ho scavalcato per capriccio ma per fare più qualità. E tutti sanno che ho anche pagato il mio prezzo, le traversie giudiziarie da cui sono stato assolto, le multe...».

La proposta qual è, allora?
«Cambiare il disciplinare, guardare al vitigno e al grado del vino. Più qualità nel vitigno, più attenzione nella gradazione alcolica e nell’uso della mistella».

Un esempio?
«Bisogna ridurre il margine di alcol. Per ora spesso ci sono Marsala con basi di partenza basse che vengono alcolizzati per sei-sette gradi. Troppo. E poi ci vuole un’adeguato periodo di invecchiamento. Sicuramente più lungo di quelli previsti».

È un appello al consorzio dei produttori?
«Sì, è un appello che faccio al consorzio e a quei pochi che operano nel settore. Per esempio, perché non rimettere in funzione i torchi per vinificare nelle proprie aziende. Sarà provocatorio, ma perché no?».

C’è chi dice che il Marsala è un vino ormai che piace poco ai consumatori?
«Dico tutto il contrario. Se sono fatti bene vi assicuro che la complessità e il fascino di un Marsala hanno pochi rivali».

A tavola come li bevi?
«In mille modi, i formaggi...ma non solo».

E il Marsala Fine dovrebbe uscire dalla Doc?
«Sì, sarebbe più coerente. Se dai più importanza alle versioni del Marsala più pregisate il resto viene da solo».

Alla fine si può fare ancora qualcosa per il Marsala?
«Forse».

F. C.

Il produttore Marco De Bartoli. "Una Doc morta ma solo dal punto vista tecnico. Invecchiamento adeguato e uva di qualità sono imprescindibili. E sull'alcol..." 

"Sul Marsala
Scienza ha ragione"

«Il professore Attilio Scienza ha ragione. Sono d’accordo con lui che il Marsala è morto. Conosco bene Scienza. È un grande esperto che conosce la Sicilia e devo dire che oggi rappresenta il pensiero scientifico applicato al vino in Italia». Marco De Bartoli, marsalese, non ha mai perso il piacere della battuta tranchant. Chi lo conosce sa che fa parte del suo carattere. Lui resta un grande produttore di vini siciliani. Spesso incompreso ma assolutamente interprete di un sentire poco comune del vino, e le sue etichette sono conosciute dagli enofili di mezzo mondo. De Bartoli ha letto gli articoli pubblicati su cronachedigusto.it che ormai da giorni sta dedicando ampia attenzione a questo vino siciliano.

Quindi nulla potrà salvare il Marsala?
«No, il problema non è questo perché Scienza non dice che è morto commercialmente. È morto sotto il profilo produttivo. Viene fatto male, il contributo dell’alcol è troppo alto rispetto alla base alcolica ottenuta dall’uva. I tempi di invecchiamento bassi non vanno bene. L’ossatura non c’è. Fare un grande Marsala costa caro. E poi c’è un aspetto generazionale da non trascurare. Dove sono i giovani? Non ce ne sono».

Modificare il disciplinare no?
«Le modifiche vanno fatte e andavano fatte anche prima. Io per esempio, date le mie dimensioni (ventimila bottiglie di Marsala ndr) mi sono adattato alle mie esigenze e quindi il mio vigneto è Doc, il mio pensiero è Doc ma la Doc non mi può impedire di concepire un invecchiamento più lungo di cui il Marsala ha bisogno».

Oltre la Doc, insomma?
«Esatto. Mi sento, purtroppo, oltre la Doc, sono andato oltre, il mio Vecchio Samperi va oltre. Il disciplinare non mi poteva aiutare, ma non l’ho scavalcato per capriccio ma per fare più qualità. E tutti sanno che ho anche pagato il mio prezzo, le traversie giudiziarie da cui sono stato assolto, le multe...».

La proposta qual è, allora?
«Cambiare il disciplinare, guardare al vitigno e al grado del vino. Più qualità nel vitigno, più attenzione nella gradazione alcolica e nell’uso della mistella».

Un esempio?
«Bisogna ridurre il margine di alcol. Per ora spesso ci sono Marsala con basi di partenza basse che vengono alcolizzati per sei-sette gradi. Troppo. E poi ci vuole un’adeguato periodo di invecchiamento. Sicuramente più lungo di quelli previsti».

È un appello al consorzio dei produttori?
«Sì, è un appello che faccio al consorzio e a quei pochi che operano nel settore. Per esempio, perché non rimettere in funzione i torchi per vinificare nelle proprie aziende. Sarà provocatorio, ma perché no?».

C’è chi dice che il Marsala è un vino ormai che piace poco ai consumatori?
«Dico tutto il contrario. Se sono fatti bene vi assicuro che la complessità e il fascino di un Marsala hanno pochi rivali».

A tavola come li bevi?
«In mille modi, i formaggi...ma non solo».

E il Marsala Fine dovrebbe uscire dalla Doc?
«Sì, sarebbe più coerente. Se dai più importanza alle versioni del Marsala più pregisate il resto viene da solo».

Alla fine si può fare ancora qualcosa per il Marsala?
«Forse».

F. C.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

2) Ravioli di Genovese di Polpo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search