Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cronache dal Vinitaly
di Redazione

La firma del Sassicaia, Nicolò Marchese Incisa della Rocchetta, racconta il suo vino e pronostica un futuro tutto in rosa. “Sempre più donne capiscono questo vino, hanno un palato migliore”

“Non c'è alcun segreto dietro al mio vino solo il terroir”, questo la unica e sola formula magica che svela l'ambasciatore del Sassicaia il marchese Nicolò Incisa della Rocchetta (nella foto).

La combinazione di terreno, clima, varietà e fattore umano è tutto ciò che ha fatto la grandezza di questo simbolo enologico. “Anche se quest'ultimo – precisa il marchese – incide sul vino solo il 10%. Si possono certo fare errori nella vinificazione o alla vendemmia. L'unica cosa importante è la qualità dell'uva. Proprio questo vino nasce in vigna, è la nostra filosofia e quella sostenuta da Giacomo Tachis”. Ma forse un segreto lo avrebbe e sta proprio nella sua evoluzione, poiché come testimonia lo stesso produttore, più di molti altri vini, il Sassicaia muta di annata in annata mai rimanendo uguale a sé stesso: “E' il vino italiano che più risente della diversità delle annate. Dipende tantissimo dal tempo della vendemmia”. Quello che non muta mai sicuramente è la sua piacevolezza che gli ha reso e gli rende ancora fama mondiale tanto che, conferma Incisa della Rocchetta, è ancora oggi più capito all'estero e sempre di più apprezzato dalle donne: “Sicuramente è più apprezzato fuori, però anche in Italia adesso si avvicinano persone più educate nel gusto. Vedo che molte donne hanno il palato per capirlo, hanno il palato migliore”. Sarà anche per questo che il produttore vede un futuro in rosa: “Con il passare degli anni il vino continua a piacere, aumentano i consensi, il futuro lo vedo sempre rosa e molto lungo nel tempo - riferendosi alla sua longevità come una delle sue principali peculiarità -. Il modo migliore per gustarlo è dopo dieci anni”. Longevo in bottiglia e anche nel bicchiere come precisa: “E'' un vino timido, bisogna dargli il tempo di esprimersi, è introverso e con lui bisogna essere molto pazienti”.

Manuela Laiacona


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gabriele Boffa

Locanda del Sant'Uffizio Enrico Bartolini

Cioccaro di Penango (At)

1) Asparago, seirass e tuorlo al curry

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search