Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 28 Dicembre2019

di Federico Latteri

Monte Zovo è l'azienda della famiglia Cottini, protagonista da quattro generazioni nel settore vitivinicolo con una lunga storia iniziata nel 1925. 

Oggi è condotta da Diego, insieme alla moglie Annalberta e ai figli Michele e Mattia. I vigneti di proprietà, 140 ettari in tutto, sono distribuiti principalmente su tre territori: a Caprino Veronese, nelle Doc Bardolino e Garda, dove ha sede anche la cantina, a Tregnago, nella Val d'Illasi, la parte orientale della Doc Valpolicella e tra Sirmione e Desenzano, nella Doc Lugana.


(La famiglia Cottini)

La produzione annua si aggira intorno a 1,4 milioni di bottiglie. La filosofia aziendale è rivolta alla valorizzazione delle peculiarità di un territorio di antiche tradizioni, ottenuta attraverso il rispetto dell'ambiente con grande attenzione nei confronti della sostenibilità e del biologico per il quale dal 2018 è presente la certificazione.


(Cantina di Caprino)

C'è un continuo monitoraggio della qualità dei suoli, delle acque e dell'aria al fine di garantire le condizioni ottimali per la biodiversità e la realizzazione di prodotti sani. Il Calinverno è un rosso che nasce alla fine degli anni '90 da un'intuizione di Diego Cottini che, grazie alla sua grande esperienza sulle tecniche di vinificazione della Valpolicella, mette a punto una metodologia di appassimento in due fasi.


(Barricaia)

E' fatto con Corvina e Corvinone per il 70 per cento più un 20 per cento di Rondinella, un 5 per cento di Croatina e un 5 per cento di Cabernet Sauvignon. Le uve provengono da vigneti della tenuta di Caprino Veronese situati ad un'altitudine di 250-300 metri sul livello del mare su un suolo di natura morenica con scheletro ghiaioso.


(Vigneto di Calinverno)

Le viti hanno un'età compresa tra 15 e 25 anni. L'esposizione è est-ovest e il sistema di allevamento utilizzato è misto, guyot e pergola. La vendemmia viene effettuata tardivamente, tra la fine di ottobre e la metà di novembre. I grappoli vengono lasciati a surmaturare sulle piante per un periodo variabile di 2-4 settimane, a secondo dell'annata, per ottenere un appassimento naturale. Le uve raccolte vengono portate in fruttaio dove restano per 20-30 giorni, andando incontro ad un secondo appassimento che comporta una perdita di peso del 20-25 per cento. Seguono diraspatura, pigiatura e fermentazione alcolica a temperatura controllata di 20-24 gradi centigradi per circa 30 giorni con rimontaggi. Il vino matura per 24 mesi in barrique e tonneau e poi affina per un anno in bottiglia.

Il 2014 da noi degustato si presenta di colore rosso rubino scuro carico. E' fine e complesso all'olfatto con amarena matura, kirsch, confettura di more, fiori appassiti, cioccolato e spezie dolci. Il sorso è caldo, potente, corposo e ben equilibrato con la freschezza che bilancia la struttura e la notevole intensità gustativa. Morbidi i tannini e molto lunga la persistenza. Si tratta di un rosso in cui la notevole ricchezza viene espressa in maniera ordinata e composta, anche più di quanto ci si possa aspettare. Si abbina molto bene alle preparazioni importanti a base di carne dal gusto ricco e ai formaggi stagionati.   

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Monte Zovo – Cottini
Località Zovo, 23 - Caprino Veronese (Vr)
T. 045 7281301
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.montezovo.com

IL VINO IN PILLOLE

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search