Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 12 Febbraio2022

di Federico Latteri

Terregarcia è la giovane azienda gestita dal ventisettenne Calogero Aloisio insieme al fratello Gaetano e al padre Giuseppe.

La storia di questa famiglia di viticoltori inizia nel 1961, anno di impianto della prima vigna, ma bisogna aspettare la quarta generazione per arrivare con la vendemmia 2019 al primo imbottigliamento. Il progetto nasce per iniziativa di Calogero che, lasciati gli sudi a Pisa, torna in Sicilia per dedicarsi alla produzione di vino. Ci troviamo in contrada Garcia nel comune di Monreale in provincia di Palermo, non lontano dal confine con la provincia di Trapani, in un anfiteatro naturale situato tra la Rocca di Entella e Pizzo del Gallo.

(Giuseppe, Gaetano e Calogero Aloisio)

I vigneti, 10 ettari in tutto, si estendono ad un'altitudine media di 300 metri sul livello del mare a ridosso del bacino idrico artificiale intitolato a Mario Francese, vittima di mafia. Vengono coltivati sia vitigni autoctoni come Grillo e Nero d'Avola che internazionali come Sauvignon Blanc e Syrah. La filosofia aziendale si fonda su una costante presenza in vigna al fine di comprendere a fondo le piante, curare ogni minimo dettaglio e assecondare la natura per produrre vini che siano in grado di raccontare un territorio.

Non a caso, il nome Terregarcia è un vero e proprio omaggio a questi luoghi. Al momento sul mercato è presente una sola etichetta, un bianco da Grillo di cui sono state fatte 3,6 mila bottiglie numerate. E' prevista però una crescita che già con la vendemmia 2021 vedrà l'uscita di un rosso da Nero d'Avola e il conseguente aumento della produzione complessiva a circa 6 mila bottiglie. Degustiamo il Sicilia Doc Grillo Contravento 2020, un bianco ben riuscito, buono e facile da bere.

Le uve provengono da un singolo vigneto di un ettaro e mezzo situato a 350 metri sul livello del mare con esposizione est sud-est. Siamo all'interno di un'area collinare caratterizzata da terreni franco-argillosi nei quali è presente una certa percentuale di calcare. L'andamento climatico dell'annata ha visto un inverno piovoso, favorevole per l'accumulo di riserve idriche, una primavera mite con poche precipitazioni e un'estate calda che ha permesso una maturazione ottimale.

La vendemmia è stata effettuata manualmente. Il processo di vinificazione ha avuto inizio con una pressatura soffice, seguita da 12 ore di decantazione statica a freddo del mosto. La fermentazione viene svolta in acciaio a temperatura controllata. Il vino ottenuto resta in vasche di acciaio inox sulle fecce fini per sei mesi e poi affina in bottiglia per almeno altri due mesi prima di andare sul mercato.

Versato nel calice, il Contravento offre un colore giallo paglierino, carico e brillante. Ha un naso di buona intensità con profumi di frutta esotica, susina bianca, salvia e note vegetali che presto lasciano il posto a sentori di erbe di campo. In bocca è fresco, di medio corpo, ben bilanciato, ordinato nel progredire e sapido, soprattutto in chiusura. Si distingue per l'equilibrio acido-sapido che crea una certa tensione gustativa, favorendo la piacevolezza e la bevibilità. Può essere abbinato con tanti piatti della cucina di mare come antipasti a base di molluschi e crostacei, primi e secondi non particolarmente intensi. Va bene anche con i risotti e le minestre leggere.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Terregarcia
Via Castellaccio, 10 - Poggioreale (Tp)
T. 327 1212663
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.terregarcia.it

IL VINO IN PILLOLE 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

3) Bignè con croccante e crema pasticcera

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search