Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 20 Febbraio 2021
di Giorgio Vaiana

di Federico Latteri

Fondata nel 1904, Mezzacorona è una cantina cooperativa che oggi conta 1.600 soci viticoltori impegnati nella gestione di 2.800 ettari di vigneto.

Tecnologie all'avanguardia, un team di enologi e agronomi altamente qualificato, l'impegno e la passione degli uomini che stanno in vigna e attente selezioni fanno sì che vengano prodotti vini di carattere che rappresentano il territorio delle valli trentine.

Si lavora con grande rispetto per l'ambiente, utilizzando metodiche sostenibili e sempre più naturali. Sono circa una ventina i vitigni coltivati, tra autoctoni e internazionali. E' presente una notevole variabilità territoriale dovuta alla differente composizione dei terreni e alle tipologie di clima delle varie aree. Di conseguenza ogni varietà viene posizionata nel luogo in cui riesce ad esprimersi meglio: il Teroldego nella Piana Rotaliana (clima continentale), il Muller Thurgau nella Val di Cembra (clima alpino), Pinot Grigio e Chardonnay nella valle dell'Adige (clima continentale), Merlot e Cabernet Sauvignon nella Valle dei Laghi e in prossimità del Lago di Garda (clima submediterraneo).

Vengono commercializzate numerose etichette, raggruppate in diverse linee. Le più importanti sono la Castel Firmian, composta da 15 referenze con una tiratura complessiva di 400 mila bottiglie e la Castel Firmian Riserve e Selezioni della quale fanno parte i vini più esclusivi, una decina, per una produzione di 105 mila bottiglie. Degustiamo il Teroldego Rotaliano Doc Superiore Riserva Castel Firmian 2016, un vino fatto solo nelle grandi annate da grappoli selezionati manualmente con cura nelle zone di maggior pregio della Piana Rotaliana: Fron, Camorzi, Rauti e Sottodossi.

Il Teroldego, vitigno autoctono il cui nome deriverebbe da “Tiroler Gold”, cioè oro del Tirolo, appellativo utilizzato alla corte di Vienna durante l'impero austro-ungarico, è da sempre conosciuto per la grande qualità dei vini che dà in questo territorio. Le uve appena vendemmiate vengono avviate al processo di vinificazione che inizia con la diraspapigiatura. Segue una parziale rimozione dei semi e la fermentazione alcolica alla temperatura controllata di 25 gradi centigradi per 12-13 giorni con macerazione sulle bucce e frequenti rimontaggi. Il vino va incontro ad almeno 24 mesi di maturazione di cui 12 in botti di rovere. Prima dell'immissione in commercio è previsto un periodo di affinamento in bottiglia.

Versato nel calice, il Teroldego Riserva Castel Firmian offre un colore rosso rubino molto intenso. Ha un naso fine e pulito dominato da profumi di piccoli frutti maturi, arricchiti da sentori di spezie dolci con la vaniglia in evidenza e da un pizzico di tabacco. Il sorso è ben strutturato, equilibrato e si caratterizza per un gusto prevalentemente fruttato che risulta intenso dall'inizio alla fine. Non manca una giusta freschezza. Ben presenti e vellutati i tannini. E' un rosso morbido e rotondo che si beve con piacere e che presenta un'ottima versatilità negli abbinamenti. Può accompagnare primi piatti della cucina di terra dal gusto intenso e deciso, preparazioni elaborate a base di carni bianche, arrosti di carni rosse e formaggi a lunga stagionatura.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Mezzacorona
Via Tonale, 110 – Ss 43 Val di Non
Mezzocorona (Tn)
T. 0461 616361
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.mezzacorona.it

IL VINO IN PILLOLE

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Donato De Leonardis

Don Alfonso San Barbato

Lavello (Pz)

4) Ti porto al cinema

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search