Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 29 Agosto2020

di Federico Latteri

Col Vetoraz si trova nel cuore della Docg Valdobbiadene, a circa 400 metri sul livello del mare sulla sommità dell'omonimo colle.

Fu fondata nel 1993 da Francesco Miotto, discendente di una famiglia impegnata in viticoltura su questo territorio dagli inizi dell'Ottocento, insieme all'agronomo Paolo De Bortoli e all'enologo Loris Dall'Acqua, oggi anche amministratore delegato.

(Paolo De Bortoli, Loris  Dall'acqua e Francesco Miotto)

La filosofia aziendale è molto precisa: produrre solo Valdobbiadene Docg come espressione delle proprie radici. Le uve vengono raccolte esclusivamente dalle colline di Conegliano e Valdobbiadene in quantità maggiore rispetto al proprio fabbisogno per poter operare selezioni e scegliere le partite migliori. La vendemmia è effettuata rigorosamente a mano e la vigne vengono vinificate separatamente per poter meglio valutare le caratteristiche dei vini ottenuti e creare grandi cuvée.

(Col Vetoraz)

Col Vetoraz gestisce 120 ettari di vigneti, tutti coltivati a Glera, di cui 25 di proprietà. Le zone di maggior pregio sono Rolle di Cison di Valmarino e Valdobbiadene. Sono 1 milione e 200 mila le bottiglie prodotte annualmente. La gamma è composta da diverse etichette con spumanti delle varie tipologie di Valdobbiadene Docg che costituiscono un'unica linea di produzione, posizionandosi in una fascia di alta qualità.

(Panorama da Col Vetoraz)

Ci è piaciuto molto il Valdobbiadene Docg Extra Brut Cuvée 5 2019, uno dei due nuovi spumanti nati quest'anno. E' frutto dell'esperienza accumulata in 25 vendemmie: Col Vetoraz raccoglie ogni anno uve Glera da 102 vigne della fascia collinare pedemontana della Docg Conegliano-Valdobbiadene, tenendo conto delle specificità di ogni area per poi creare le cuvèe con le caratteristiche desiderate. In questo caso sono state scelte 5 vigne di Valdobbiadene tra le tante vinificate separatamente e poi è stato fatto l'assemblaggio.

La forma di allevamento utilizzata per le viti è la cappuccina modificata, detta anche metodo Valdobbiadene, mentre le rese massime si attestano intorno ai 135 quintali per ettaro. La vendemmia ha luogo durante la seconda metà di settembre. La vinificazione prevede pressatura soffice, decantazione statica e fermentazione a temperatura controllata. La base ottenuta viene spumantizzata in autoclave secondo il Metodo Martinotti. Sono previsti 30-40 giorni di presa di spuma e 1-3 mesi di affinamento.

Nel calice il Cuvèe 5 si presenta di colore giallo paglierino con tenui riflessi verdolini e offre un perlage fine e persistente. E' pulito e piacevole all'olfatto con profumi di pesca bianca, mela e intriganti sentori di fiori bianchi. Il profilo olfattivo mostra armonia e un'intensità molto ben calibrata. Al palato è fresco, secco (5 grammi per litro di residuo zuccherino), dinamico, leggermente sapido in chiusura, discretamente lungo e si caratterizza per un gusto rotondo dominato dalla dolcezza della frutta. La carica aromatica viene snellita da una progressione ordinata a favore della bevibilità. Si tratta di un prosecco davvero ben fatto di ottimo livello. E' perfetto come aperitivo, oppure in abbinamento a antipasti e primi piatti di pesce, molluschi e crostacei. Provatelo anche con preparazioni della cucina di terra dal gusto delicato a base di verdure e ortaggi.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Col Vetoraz
Strada delle Treziese, 1 – Santo Stefano - Valdobbiadene (Tv)
t. 0423 975291
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.colvetoraz.it

IL VINO IN PILLOLE

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

2) Raviolo di ravioli in sei stagionature di Parmigiano Reggiano

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search