Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Istituzioni il 01 Marzo2016


(Antonello Cracolici - ph Vincenzo Ganci)

“Vogliamo fare della Sicilia la terra biologica più pulita d’Europa che fa della qualità e della salubrità dei propri prodotti agricoli una strategia prioritaria per competere nel mercato globale. È questa l’impronta che stiamo dando al nuovo Programma di Sviluppo Rurale”. 

Lo ha detto l’assessore regionale siciliano all’Agricoltura Antonello Cracolici alla riunione di insediamento del Comitato di sorveglianza del Psr, che si è tenuta oggi. Il Comitato, al quale prendono parte funzionari del ministero, dell’assessorato, della direzione generale dell’agricoltura di Bruxelles e rappresentanti del partenariato sociale, è l’autorità chiamata ad approvare le procedure di selezione del programma comunitario.
“Nell’elaborazione dei criteri di selezione – ha aggiunto Cracolici - stiamo lavorando ad un sistema di gestione dei bandi più snello ed inclusivo, che scommetta su punti di premialità per favorire l’agricoltura biologica ed azioni per la chiusura della filiera, la concentrazione dell’offerta e la commercializzazione dei prodotti siciliani”.

Nel nuovo Psr 2014/2020 sono previste anche agevolazioni per progetti che puntano sull’innovazione tecnologica, la salvaguardia ambientale, la creazione di nuovi posti di lavoro. Al contrario saranno esclusi dai finanziamenti coloro che sfruttano il lavoro nero.
“Abbiamo inserito misure efficaci di semplificazione burocratica – ha proseguito Cracolici - come l’eliminazione del vecchio sistema delle graduatorie a scorrimento che sarà sostituito da un modello più dinamico, che prevede due bandi all’anno. Per snellire le procedure ci sarà un primo step per la presentazione delle domande e l’individuazione dei soggetti ammissibili, ed un secondo step per la valutazione della progettazione tecnica che si concentrerà soltanto sui progetti ammessi a finanziamento. Questo permetterà di accorciare i tempi di attesa per i beneficiari. Nella vecchia programmazione – ha concluso l’assessore regionale all’Agricoltura - i progetti venivano finanziati dopo tre anni, adesso puntiamo a dare risposte certe in sei mesi”.
C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Bufi

La Gattabuia

Matera

3) Barbabietola al cartoccio

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search