Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'appello
di C.d.G.

We love Parmigiano Reggiano.

In questi giorni, dopo la terribile scossa di terremoto che ha piegato l'Emilia Romagna, non c'è solo il tragico bilancio di morti, di migliaia di sfollati e di monumenti crollati. C'è un'intera economia messa in ginocchio, soprattutto agricola. E l'Emilia Romagna è anche la regione dove si producono tante cose buone. Ma anche il più importante formaggio italiano, anzi per noi e senza offesa per nessuno, il migliore al mondo. Il terremoto di domenica notte ha fatto crollare cascine, luoghi di stoccaggio, caseifici dove erano conservate migliaia e migliaia di forme di Parmigiano.

Molte andranno perdute per sempre, di altre se andrà bene si potrà ottenere formaggio da grattugiare. E molti produttori sono in ginocchio. Giustamente e con grande tempestività Carlo Petrini, il presidente internazionale di Slow Food lancia l'allarme oggi dalle colonne di Repubblica. Petrini è preoccupato perché i danni sono ingenti e risollevarsi non sarà facile. Personalmente posso fare due piccole cose: un atto d'amore pubblico verso il formaggio che amo di più in assoluto e poi un appello a tutti (lo rivolgo anche a me stesso) i caciodipendenti: mangiare Parmigiano tutte le volte che sarà possibile per i prossimi tre mesi. A costo di sacrificare altre leccornie casearie. A costo di rinunciare ad assaggiare altri gioielli gastronomici. E poi lo sanno tutti che il Parmigiano fa bene, è prodotto con latte scremato e questa caratteristica lo fa diventare uno scrigno di proteine importanti al nostro organismo senza quella percentuale di grassi che oggi molti temono. Ma quest'articolo non lo scriviamo per salutismo ma per stare al fianco di un territorio italiano che il mondo intero ci invidia, in un momento in cui un po' di solidarietà, immaginiamo, non guasti. Io sono orgoglioso di essere italiano anche grazie al Parmigiano Reggiano. 

I love it.

*ph: Consorzio Parmigiano Reggiano

F.C.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search