Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La birra della settimana il 28 Febbraio2021

di Andrea Camaschella

La pastry sono una delle nuove frontiere delle birre, con ingredienti a dir poco particolari e normalmente non considerati in una ricetta brassicola ma più adatti in una pasticceria.

Corpo pieno, viscoso, calore etilico e la ricchezza di profumi, sapori ed aromi sono il biglietto da visita necessario e sufficiente. In pratica sono il sostituto, per calorie quanto per sensazioni gustative, del dolce a fine pasto. Il mondo delle pastry ci ha abituato a birre sorprendenti, che stupiscono al primo sorso, confermano la loro natura eccezionale al secondo sorso ma non ti spingono di solito al terzo sorso e il bicchiere langue. Per noi "vecchi" bevitori sono birre faticose, che non trovano una collocazione ideale nella bevuta di tutti i giorni, a cui devi dedicare uno spazio a sé, impegnativo per il tenore alcolico e per il fatto che tutto quello che verrà bevuto dopo, scompare.

Più o meno con questo stato d’animo mi sono avvicinato alla Caldo Abbraccio di Birra Ofelia. Il nome è ciò che più mi ha attirato, in questo periodo arido di contatti umani, un abbraccio, ancor di più caldo, è un grande desiderio e l’immagine dei due orsi che si abbracciano nel disegno dell’etichetta rende bene l’idea. Il dulce de leche, il dolce al cucchiaio a base di latte e vaniglia che ricorda il mou – come racconta Lisa Freschi – tipico dell’Argentina, spicca tra gli ingredienti della Pastry Stout del birrificio vicentino. Una birra che nasce ancora una volta sul tema dei viaggi, nel periodo natalizio.

Si palesa nel bicchiere di un nero brillante, con schiuma a grana media beige scuro e si presenta con un bouquet di profumi in cui la nota di mou è evidente ma non dominante tra le tostature, i sentori torrefatti, di caramello, speziati e fruttati. Intrigante e invitante, con una nota alcolica, calda, che raccorda tutti i profumi, senza svelarsi del tutto. Il primo assaggio, così come il secondo a essere onesti, stupisce davvero ma per il bilanciamento e per la facilità con cui si beve. La tecnica, la capacità di pensare ed eseguire una ricetta e la mano sono quelle di Andrea e Lisa: riescono a integrare ingredienti assurdi, sulla carta, nella bevuta, esaltando l’elemento da evidenziare, senza mai perdere di vista l’insieme. Le birre di Ofelia sono appunto birre, dalle più semplici alle più complesse, che siano ispirate a birre tradizionali, con ingredienti canonici, o da colpi di fulmine per un frutto, una verdura o altro.

Tornando in tema il dolce è il sentore più importante ma gli altri sapori e le sensazioni tattili concorrono a bilanciare e amalgamare il tutto. Il corpo è pieno, avvolgente, il calore minimo e sufficiente, per un retrogusto lungo e piacevole. La immagino con i dolci, complessi e importanti, ma poi… la provo con un prosciutto cotto a legna, lievemente affumicato – il produttore è Branchi da Felino (PR), il fornitore è al solito la Salumeria Moroni di Novara), in cui il grasso è importante e… matrimonio perfetto! Anche con formaggi grassi, stagionati, e pure con il gorgonzola piccante stagionato un anno. E immagino che Lisa, che chef lo è, stia pensando a una miriade di piatti importanti, succulenti, con cui giocare su affinità e contrasti, per creare abbinamenti eccezionali. Partito con l’idea di dividere una bottiglia in due avrei voluto avere due bottiglie a testa: è un Caldo abbraccio, adatto anche agli anaffettivi, che si ripete e che si cerca, si pretende, sorso dopo sorso, pronti ad aprire una seconda bottiglia.

Rubrica a cura di Andea Camaschella e Mauro Ricci

Birra Ofelia
Via dell’Artigianato 22 - Sovizzo (Vicenza)
https://birraofelia.it/le-nostre-birre/

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

3) Spigola, limone candito e emulsione di spigola

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search