Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La novità


(La nuova linea Ferzo)

di Michele Pizzillo

I numeri sono importati: 3.000 soci che coltivano 6.000 ettari di vigneti, un terzo della superficie abruzzese destinata a vigna e quasi tutti ubicati in provincia di Chieti, che conferiscono le uve a 9 cantine sociali.

Dal milione di ettolitri di vino conferiti da queste cantine, i tecnici di Codice Citra di Ortona ne selezionano solo una parte per immettere sui mercati italiani ed esteri qualcosa come 20 milioni di bottiglie l’anno. Però, si avvertiva la necessità di fare qualche passo avanti, nel senso di unire gli sforzi in uno solo sforzo per qualificare ancora di più il vino d’Abruzzo.
In che modo? Pare che la domanda, fra i dirigenti e soci di Codice Citra, la principale realtà vinicola d’Abruzzo, per molto tempo è sembrata una sorta di mantra prima di arrivare all’idea madre, cioè, creare una linea di vini destinata solo al canale horeca per raggruppare il meglio dell’enologia regionale riconosciuta a dop:Montepulciano d’Abruzzo, Cerasuolo d’Abruzzo, Cococciola Abruzzo Superiore, Pecorino Abruzzo Superiore e Passerina Abruzzo Superiore. Insomma, l’unione dei territori vitivinicoli abruzzesi più vocati rappresentata da una sola grande etichetta, Ferzo. Nome che richiama un pezzo di stoffa che cucito insieme ad altri pezzi forma una grande vela, per dare vita a un’unica grande etichetta che racchiude il meglio dei vitigni autoctoni della regione. E i dirigenti di Codice Citra hanno scelto questa metafora per raccontare quella che da oltre quarant’anni è la mission della grande struttura cooperativa di Ortona, ovvero di unire la produzione regionale per rappresentare al meglio l’Abruzzo del vino.


(Valentino Di Campli)

D’altronde i 3.000 viticoltori di Citra operano su un territorio molto vasto, che comprende quasi tutta la provincia di Chieti e si estende da Nord a Sud per circa 80-90 chilometri e verso l’entro-terra di 40 chilometri dal Mare Adriatico. Si tratta del principale valore aggiunto dell’azienda ortonese, perché offre la possibilità di sfruttare terroir e microclimi differenti tra loro, con peculiarità uniche che assicurano uve con caratteristiche chimiche e aromatiche diverse e di grande qualità. Il meglio di queste uve è utilizzato per la linea Ferzo, che comprende cinque referenze riservate esclusivamente all’horeca. Le 5 referenze sono Montepulciano d’Abruzzo dop, un vino morbido e armonioso, importante per struttura e intensità olfattiva e ideale in abbinamento con carni rossi e cacciagione; Cerasuolo d’Abruzzo dop, ottenuto dalla vinificazione in bianco delle uve di Montepulciano, presenta una freschezza che mette in risalto note di ciliegia e mandorla e grazie alla sua acidità è ottimo come vino a tutto pasto; la versatilità di abbinamento è la dote principale anche della Cococciola Abruzzo Superiore Dop, vino dal gusto delicato, armonico e sapido e dal profumo avvolgente; grazie al suo sapore pieno, la buona struttura e la lunga persistenza e un naso floreale, con note di acacia e sentori balsamici di salvia, il Pecorino Abruzzo Superiore Dop è invece il perfetto accompagnamento della cucina di mare, così come la Passerina Abruzzo Superiore Dop, un vino fresco e fragrante che al palato esalta la complessità delle affascinanti sensazioni olfattive tanto da renderlo sorprendente persistente.

“Il lancio della nuova linea Ferzo si inserisce nella strategia di valorizzazione dei nostri vitigni autoctonidiceValentino Di Campli, presidente di Codice Citra -. Riteniamo infatti che la promozione dei nostri vini Dop rappresenti la chiave per lo sviluppo della filiera vitivinicola regionale che ha tutte le qualità per competere al livello delle altre realtà enologiche italiane”.
E, infatti, nell’elenco dei vini che al Vinitaly hanno superato punteggi superiore a 90 centesimi, conquistando così l’ambito riconoscimento “5 Star Wines”, ci sono quattro abruzzesi: Palio Montepulciano d’Abruzzo dop 2013, con un punteggio di 91 centesimi, Laus Vitae Trebbiano d’Abruzzo doc 2011, Niro Passerina igp 2015 e Palio Pecorino igp 2015  con un punteggio di 90 centesimi.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

3) Scampi dello Jonio, foie gras e castagne silane

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search