Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 179 del 19/08/2010 il 18 Agosto 2010
di Redazione

L'INTERVISTA

Stefano Chioccioli, enologo giramondo, parla del momento difficile per il vino. E racconta il suo lavoro: la prima vendemmia sulle Egadi, l’amore per le bollicine...

”La crisi non è finita”

Stefano Chioccioli, fiorentino, agronomo ed enologo di vaglia, è in Versilia per gli ultimi giorni di vacanza. Sta prendendo la rincorsa in vista di numerosi impegni. Calabria, Slovenia, Sicilia, Ungheria e pure la Georgia dove è in procinto di firmare una consulenza per un nome autorevole di questo lontano Paese che è un po’ la culla del vino. In Sicilia poi quella del 2010 sarà la prima vendemmia per Firriato, cantina tra le più importanti della regione.

Proprio per Salvatore e Vinzia Di Gaetano ha curato l’impianto di Favignana, l’unico nelle Egadi, da cui i titolari della cantina di Paceco si attendono moltissimo e la produzione di bollicine con Nerello Mascalese, metodo classico, probabilmente pronte per il prossimo Vinitaly.

Chioccioli, bollicine mon amour?
«In vacanza sicuro. Mi porto sempre le bollicine. Una selezione di spumanti, champagne, dai Colli Lesini a quelle di Castello di Meleto, di Baracchi. In attesa dei siciliani».

Qualche di giorno di vacanza? Stai prendendo la rincorsa?
«Andrò presto all'estero, il mio primo figlio si è laureato in enologia. Lo accompagnerò in Francia, ma dovrò andare anche in Ungheria per Sausa, un’azienda che ha vigneti sia nel Sud che nella zona del Tokai. E poi in Slovenia, nella Stiria dove vengono fuori Sylvaner e Pinot Grigio di tutto rispetto».

Non male come impegni...
«Sì e c’è anche la Georgia. Spero di concludere con una cantina da 850 ettari di vigneto».

La culla del vino?
«Sì, decisamente. Loro utilizzano le anfore, uno strumento che mi intriga molto. E poi fanno ottimi spumanti».

Tornando in Italia come lo vedi il clima a ttorno al vino?
«Ancora non siamo arrivati al fondo della crisi. Purtroppo c'è una produzione in eccesso rispetto ai consumi e alle reali prosettive del vino italiano nel mondo. Con la fine della distillzione obbligatoria e lo stoccaggio a lungo termine cambia tutto. C'è il consumo reale quello vero che costringerà a riequilibrare l'offerta e la domanda. In Sicilia ho visto molti vigneti abbandonati. Anche in Emilia Romagna c’è lo stesso problema con gli incentivi per l’estirpazione».

Non tutti sopravviveranno...
«È il momento della selezione. Quelli che stanno scomparendo sono i piccoli produttori che hanno affacciato la testa sul mercato da pochi anni. I marchi forti stanno invece riprendendo posizioni sul mercato abbassando i prezzi».

In Sicilia e in Calabria?
«In Calabria il consumo interno è calato molto negli ultimi 3-4anni. Di  vini d’eccellenza se ne vendono poche bottiglie invece stanno prendendo quota i vini territoriali fatti bene ma con prezzi bassi, spesso però troppo bassi per la produzione. Chi produce uva non può venderlo a tre euro. Molte aziende chiuderanno».

In Sicilia?
«La stessa cosa. Grandi nomi fanno fatica ad andare avanti».

E nell'Isola come arriva alla vendemmia 2010?
«Il versante occidentale ha avuto problemi di carattere sanitario per contrastare oidio e peronospora. Però quest’anno i siciliani hanno reagito prontamente rispetto a tre anni fa».

Progetti futuri?
«Bianchi con lunghe macerazioni sulle bucce, puntare di più sull’alberello, vedi Firriato a Favignana, e conoscere meglio l’Etna. Dove ci sono vini di grande complessità e mineralità».

F. C.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Savino Di Noia

Antica Cantina Forentum

Lavello (Pz)

1) Uovo in camicia tra sapori lucani

Sud Top Wine

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search