Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 162 del 22/04/2010 il 23 Aprile 2010
di Redazione

L'EVENTO/3

Al via la prima sessione del concorso. Grande entusiasmo da parte del direttore della manifestazione Thomas Costenoble: “ Con quasi 7000 etichette provenienti da 49 paesi, un numero di campioni mai raggiunto prima”

Si alza il sipario su Palermo

capitale mondiale del vino

È partito ufficialmente il Concours Mondial de Bruxelles. Oggi all'ex deposito delle locomotive Sant'Erasmo si tiene la prima sessione delle degustazioni tecniche che in questa tre giornate vedrà 280 giurati provenienti da tutto il mondo valutare le 7.000 etichette iscritte al concorso.

Il via alla prima tappa d'assaggio è stato dato questa mattina da Thomas Costenoble, direttore del concorso, da Leonardo Agueci, presidente dell'Istituto Regionale della Vite e del Vino, da Dario Cartabellotta, direttore dell'istituto e da Maurizio Carta, assessore al centro storico. “Per noi è un onore poter essere in una città prestigiosa come Palermo – dichiara  Costenoble al discorso di apertura -. Punto d’incontro di tante culture accentua ancora di più il carattere internazionale del nostro concorso. Con quasi 7000 etichette provenienti da 49 paesi, un numero di campioni mai raggiunto prima, la 17° edizione del Concours Mondial de Bruxelles è ufficialmente iniziata e promette di essere molto intensa”. Per Agueci il Concours Mondial de Bruxelles è un traguardo importante per la Sicilia del vino. “Ospitare a Palermo il Concorso Mondiale di Bruxelles assume un valore di grande significato e rappresenta un traguardo importante conquistato dalla Sicilia del vino di qualità. È il segno di una maturità raggiunta e riconosciuta alla Sicilia enologica”. Un banco di prova per i vini siciliani che  dovranno dimostrare la loro eccellenza, lo dichiara Cartabellotta: “Il Concorso sta dando la possibilità di confrontarci nel tempio della scienza sensoriale internazionale. Abbiamo l'esigenza di fare conoscere i nostri vini. L'accreditamento a questo tempio è qualcosa che sicuramente riusciremo a fare”. E l'accreditamento è già avvenuto per la città di Palermo, come conferma Carta. “Palermo si trova al centro del mondo della cultura in generale. La manifestazione non solo porta prestigio alla viticoltura siciliana ed europea, è un evento culturale ad ampio spettro che sta portando attenzione verso i luoghi marginali della città.  I riverberi sono positivi per Palermo. Vedere il deposito come luogo dove giurati di tutto il mondo fanno di fatto esperienza dell'identità che i vini esprimono, per l'amministrazione comunale è un traguardo nell'opera che sta portando avanti. Sant'Erasmo è stato sempre per noi l'avamposto della riqualificazione della città”. Soddisfatto anche Giancarlo Conte, vicepresidente dell'Irvv: “Una manifestazione da noi sognata per due anni che si trasforma in una realtà di rilancio per la Sicilia del vino che può far da traino all'economia dell'agroindustria. Avremo quattro giorni impegnativi – e auspica –. Siamo sicuri che i risultati premieranno non solo la riuscita del concorso ma anche del vino siciliano”.

Manuela Laiacona


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search