Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 91 del 11/12/2008 il 11 Dicembre 2008
di

L’INCHIESTA

In vendemmia anche il ghiaccio ha un ruolo. Ed ecco gli Eiswein i vini prodotti a basse temperature, diffusi soprattutto in Germania, Austria e nel nord Europa. Prodotti di qualità ma a prezzi alti

Goccia fredda

Può il ghiaccio cambiare un vino? La risposta è si; moltissimo. Ovviamente non ci riferiamo al discutibile uso di lasciar cadere nel bicchiere un cubetto di ghiaccio oppure a dimenticare nel freezer una bottiglia in una serata estiva particolarmente calda.


Il ghiaccio in vendemmia è un’opzione riservata a produttori del nord Europa, in primo piano Germania e Austria, più recentemente anche al Canada. Premesso che il freddo al momento della pigiatura è riconosciuto come fattore qualitativo che accentua e valorizza la finezza aromatica, cosa accadrebbe se la temperatura scendesse significativamente sotto lo zero? Una cosa semplicissima: l’acqua contenuta all’interno dell’acino si congelerebbe. La glicerina, gli acidi e le parti aromatiche, isolate a causa della bassa temperatura, aumenterebbero in proporzione a seguito della pigiatura, mentre l’acqua in forma di ghiaccio resterebbe imprigionata nell’acino. Più freddo c’è, meno sarà la parte d’acqua che diluirà il mosto. Con gli Eiswein accade questo. Il disciplinare tedesco prevede che occorrono almeno dodici ore durante le quali la temperatura deve essere inferiore a meno 8°C e un grado zuccherino minimo di 110° Oechsle. I mosti degli Eiswein sono ricchi, concentrati, tesi, profumatissimi. I vini sono elettrici e appassionanti, soprattutto se ottenuti durante le vendemmie anticipate. In effetti, le condizioni adatte a questo non sono sempre la norma, anzi, è possibile che le prime gelate arrivino a fine novembre quando la vendemmia è già finita da un pezzo. Le condizioni per la produzione di Eiswein sono ancora oggi straordinarie. Immaginate i vignaioli, in piena notte o alle prime ore dell’alba, felici nonostante mani e piedi gelati, aggirarsi tra le vigne con in una mano un cesto, nell’altra un bastone di legno con il quale battere i grappoli per far cadere, come biglie di vetro, gli acini nel cesto. La resa è contraria ad ogni principio di economia, tra i 3 ed i 5 Hl per ettaro. I prezzi delle bottiglie sono conseguentemente molto alti.
Volendo sintetizzare, l’indicazione “Eiswein” segnala un sistema di vinificazione, le cui variabili produttive sono molteplici. Gli Eiswein mutano in ragione: del vitigno utilizzato, ma i Riesling della Mosella restano comunque leggenda; del periodo e delle temperature in vendemmia, ad esempio se ottobre o dicembre; della percentuale di muffa nobile (Botritys Cinerea) presente sui grappoli.
Quest’ultimo aspetto va approfondito. L’Eiswein non è da considerarsi come un vino dolce ottenuto da uve botritizzate, bensì ha una sua classificazione separata; è piuttosto una vendemmia tardiva “estrema” condotta col sistema naturale del freddo. È infatti possibile che il produttore abbia in mente un vino da acini nobili e che, in corso d’opera, si trovi nelle condizioni di effettuare una vendemmia da Eiswein. Il vino ottenuto in queste condizioni “miste”, avrà le caratteristiche di entrambi i vini, una doppia concentrazione causata dalla muffa e dal ghiaccio. Ricordiamo che la muffa nobile si sviluppa sulla buccia dell’acino nutrendosi di acqua e zuccheri. Oppure, è possibile che la gelata intervenga per metà ottobre e che le uve non presentino in quel momento nemmeno un accenno di muffa nobile. In tal caso il vino sarà molto chiaro con note verdoline, fragrante, profumatissimo, con una quota di acidi tale da pizzicare sulla lingua e renderlo “elettrico”.
Concludendo, l’azione principale condotta dal freddo sulle uve ancora intere è di accentuare le caratteristiche aromatiche, un sistema che la moderna tecnica di criomacerazione ha cercato di emulare.
 

Francesco Pensovecchio


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search