Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 100 del 12/02/2009 il 13 Febbraio 2009
di Redazione

L'INCHIESTA

Il fungo basilisco è in via di estinzione ma per salvarlo c'è chi prova a coltivarlo nelle serre. Lo studioso: è ricco di vitamine e sali minerali. Nei ristoranti viene servito sia cotto che crudo

L'oro delle Madonie


La caccia all'oro delle Madonie inizia ad aprile. Si conclude il mese dopo. Un lasso di tempo molto ristretto per raccogliere il fungo basilisco. Quello originale, che secondo gli studiosi cresce spontaneamente solo in Sicilia, è un prodotto tanto raro quanto pregiato.

Dal gusto e dal profumo raffinati, dice Giuseppe Venturella, docente di Botanica forestale e Micologia presso la facoltà di Agraria dell'università di Palermo. Il fungo basilisco è un prodotto ricco di vitamine (soprattutto quella D) e di sali minerali, adatto alle diete, anche quelle ipocaloriche.
"Studiamo questa specie dal 1995 - racconta il professore Venturella -. E la necessità di farne oggetto di esame nasce sia dal valore naturale del fungo, sia dal fatto che fa parte della lista rossa delle specie minacciate di estinzione". È un fungo raro che, come spiega Venturella, cresce solo sulle Madonie, solo in alta montagna (sopra i 1.400 metri), soprattutto in ambienti impervi. "In questi anni - spiega il docente - abbiamo realizzato un dossier sul fungo basilisco e grazie al nostro studio l'Iucn, unione mondiale per la conservazione della natura, lo ha inserito tra le specie da proteggere, perché in via di estinzione. Oggi è dunque costantemente monitorato. Anche il parco delle Madonie ha istituito un regolamento che limita la sua raccolta".
Il fungo basilisco è comunque utilizzato nei ristoranti, sia crudo che cotto. Ma non si trova nei supermercati. "Costa molto, circa 50 euro al chilo, proprio perché è raro e perché non è semplice scovarlo - aggiunge Giuseppe Venturella -. I ristoratori delle Madonie in genere si affidano a persone di fiducia che siano in grado di raccoglierlo, anche perché per trovarlo occorre camminare per ore in alta montagna. E poi cresce in un periodo molto ristretto, tra aprile e maggio. A differenza degli altri funghi, che crescono in autunno, il basilisco è un prodotto primaverile".
Da oltre cent'anni si parla di fungo basilisco. È stato descritto per la prima volta nel 1863 da Giuseppe Inzenga, direttore dell'istituto agrario Castelnuovo di Palermo. Già allora era pregiato e ricercato, tanto che, come attestano i documenti dell'epoca, veniva venduto a due lire al chilo.
Un passato documentato di oltre cent'anni, ma un futuro apparentemente incerto. Eppure, Giuseppe Venturella è ottimista. "Credo che riusciremo a salvarlo dall'estinzione - dice - grazie al tentativo di coltivarlo così da limitare la pressione sugli ambienti di crescita. L'esperimento è in corso nei tunnel di coltivazione. Lì si ottengono grandi quantitativi non solo in primavera, mantenendo buona parte delle caratteristiche del fungo originale". E aggiunge: "Attualmente viene coltivato, soprattutto sulle Madonie. Lì c'è la coop 'Le due Sicilie', che ha stipulato una convenzione col dipartimento di botanica per poterlo produrre".

Gaetano La Mantia


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search