Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 33 del 01/11/2007 il 31 Ottobre 2007
di Emanuele Di Bella
    VERDE A TAVOLA

Oggi domina su arrosti e patate. Ma in antichità era considerato simbolo d’amore: nel rosmarino.jpg‘300 la settantenne regina d’Ungheria vi curò le sue rughe, conquistando il monarca di Polonia

Rosmarino,
trionfo d’aroma

Trionfa sugli arrosti e sulle patate, esalta con il suo profumo a metà tra il canforato e l’incenso qualsiasi salsa o condimento. È un’erba aromatica tra le più intense il rosmarino che non deve assolutamente mancare nelle nostre dispense. Si usa preferibilmente secco, ma esistono impieghi anche con la foglia fresca.
Come molte altre aromatiche, il rosmarino fece il suo debutto in società come rimedio e panacea di tanti mali prima di avere il suo posto in cucina. In antichità era considerato il simbolo dell’amore e del matrimonio e se ne intrecciavano corone per le donzelle. I faraoni lo volevano come compagno nell’Aldilà, la regina Elisabetta d’Ungheria, nel ‘300, più che settantenne, trovò rimedio ai suoi reumatismi e alle sue rughe grazie al rosmarino, al punto da stregare il re di Polonia che la sposò in un battibaleno. Da allora è rimasta famosa l’acqua della regina d’Ungheria che altro non è che un alcolato di rosmarino. rosmarino_2.jpgDi sovrano in sovrano si arriva a Luigi XIV che guarì anch’egli da fastidiose forme reumatiche. L’antica farmacopea, d’altronde, ne riconosceva i meriti: con esso si preparava il balsamo “Tranquille”, il balsamo “Opodeldoch”, il vino aromatico. Negli orti medievali aveva un posto di grande rilievo poiché il rosmarino veniva largamente impiegato come spezia per conciare le carni da destinare ai lunghi tragitti navali.
Appartenente alla famiglia delle labiate, il rosmarino è tipico delle regioni mediterranee. Le foglie, strette e opposte, sempreverdi, sono coriacee e biancastre nella pagina inferiore. I fiori sono azzurro pallido. In tempi più recenti è stata accertata la reale capacità di provocare un’azione stimolante e digestiva, di alleviare il mal di denti e di contribuire a lenire i dolori reumatici e di contribuire al ringiovanimento della pelle.


Mario Pintagro

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search