Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 191 del 11/11/2010 il 16 Novembre 2010
di Redazione

L'ANNUNCIO

L’alimentazione a base di carboidrati viene riconosciuta dall’Unesco come bene immateriale

Dieta mediterranea,
patrimonio dell’umanità

La Dieta Mediterranea convince tutti. L'Unesco ha premiato lo stile alimentare basato su pomodoro, olio d'oliva, pasta, frutta, verdura e vino, facendolo entrare nel patrimonio culturale immateriale dopo l'ok dalla quinta sessione del comitato intergovernativo riunita a Nairobi.


Si è trattato di un negoziato non facile. In mattinata l'Albania, membro del Comitato, aveva fatto un intervento duro nei confronti delle candidature che potevano avere valore commerciale - come la Dieta - e aveva criticato il fatto che in Italia si stesse già festeggiando per un riconoscimento non ancora arrivato. Qualche ora dopo Pier Luigi Petrillo, responsabile della delegazione del ministero dell'Agricoltura, partita domenica per Nairobi con l'obiettivo di portare a casa il risultato, aveva poi precisato che la situazione era andata lentamente cambiando in favore di un riconoscimento, fino a quando a metà pomeriggio è arrivato l'ok definitivo. «Al momento della proclamazione - ha continuato Petrillo - c'è stata un'ovazione tra i delegati di tutti i 166 Stati presenti». Il responsabile della delegazione italiana ha dichiarato che i quattro Paesi che hanno sostenuto la candidatura (Italia, Spagna, Grecia e Marocco) si sono trovati concordi nel volere «dedicare il riconoscimento al sindaco di Pollica, Angelo Vassallo», ucciso in un agguato lo scorso 5 settembre.
«Ci tenevamo molto - ha precisato Petrillo - perchè il sindaco aveva lavorato su questa candidatura». «Il risultato sperato è arrivato» è stato il commento del ministro dell'Agricoltura, Giancarlo Galan. «Questo prestigioso successo mi riempie d'orgoglio e di soddisfazione e rappresenta un traguardo storico per la nostra tradizione alimentare e per la cultura dell'intero Paese», ha proseguito Galan che ha poi ringraziato «di cuore» la comunità del Cilento, patria della Dieta Mediterranea, ed in particolare il Presidente del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, Amilcare Troiano. Soddisfazione anche dalla Coldiretti. «I meriti della Dieta Mediterranea e degli stili di vita ad essa associati sono soprattutto dei nostri agricoltori, che pertanto hanno il diritto di festeggiare il loro buon operato e nessuno può permettersi di negarglielo», ha dichiarato il presidente Sergio Marini, mentre la Confederazione italiana agricoltori (Cia) ha parlato di «una vittoria per il made in Italy». La candidatura della Dieta era stata avanzata già quattro anni fa dall'Italia, dalla Spagna, dalla Grecia e dal Marocco, ma per l'Unesco non soddisfaceva i requisiti previsti dalla Convenzione del 2003 sul Patrimonio Mondiale Immateriale dell'Umanità, per cui i 4 Paesi decisero di ritirarla. Quella che oggi ha superato l'esame è stata invece presentata il 30 agosto 2009 dal Mipaaf e firmata dal capo di gabinetto dell'allora ministro Zaia, dottore Giuseppe Ambrosio. La prestigiosa Lista dell'Unesco, che raccoglie gli elementi immateriali considerati unici al mondo, consta di 166 pratiche già iscritte da parte di 132 Paesi. Dopo l'ok di oggi alla Dieta Mediterranea, l'Italia può contare in tutto tre elementi: gli altri due sono l'opera dei pupi siciliani e il canto a tenore sardo.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search