Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 192 del 18/11/2010 il 17 Novembre 2010
di Redazione

IL PERSONAGGIO/2

«Free zone» per le importazioni, tecnologie, più qualità. Le ricette del nuovo assessore siciliano. E sulla Doc Sicilia...

D’Antrassi:
"All’agricoltura
serve una
rivoluzione"

«All'agricoltura siciliana occorre una rivoluzione innanzitutto di tipo culturale». È il neo assessore siciliano all'Agricoltura, Elio D'Antrassi, ad affermarlo.

Insediatosi da poco più di un mese ha già le idee ben chiare in che cosa pecca l'agricoltura siciliana e quali soluzioni si rendano necessarie da attuare. Malgrado il percorso non sia affatto facile e breve proprio perché deve partire da una mutazione di approccio da parte dei produttori siciliani nei confronti del mercato. L'unico prodotto che si 'salva' è il vino: "Per due motivi, - spiega D'Antrassi - per la materia prima che è di qualità eccellente e per la tecnologia che è stata di valido aiuto e che è molto presente nel settore". E poi il ricorso alla qualità, come presupposto fondamentale per un’agricoltura più competitiva che contrasti le crisi. D’Antrassi che per motivi familiari vive tra Palermo e Negrar in provincia di Verona dove risiede la famiglia parla anche di Doc Sicilia. Dopo lo stop del comitato nazionale vini il neo assessore non sembra intenzionato a portare avanti al proposta. «Credo - dice - che sia un po’ prematuro. Doc vuol dire territorio e dobbiamo lavorare per migliorare quelle esistenti. E comuqnue cosa offriamo ai visitatori? Non siamo pronti. Ho ancora memoria di un viaggio con alcuni importatori lungo alcune strade assediate dalle discariche abusive. E Doc vuol dire anche un grande rispetto del territorio sotto tanti punti di vista».
Dopodiché per D'Antrassi sono riassumibili in tre semplici punti i deficit del mercato regionale. "Innanzitutto la falsa convinzione che si produca più di quanto si consumi. Al contrario, la produzione siciliana è in netto calo e di contro importiamo sempre di più". Insomma si tratterebbe di un falso storico quello secondo il quale la Sicilia produca in eccedenza. "Altro punto debole - prosegue l'assessore - è quello di non avere creato una free-zone, un polmone di rappresentanza degli altri mercati. Una regione che esporta dev'essere anche una regione che importa. I due aspetti stanno infatti in perfetto equilibrio. E' questa incapacità di raffrontarsi che poi porta inevitabilmente al terzo aspetto debole del nostro mercato, ovvero quello che alimenta l'importazione fraudolenta". Aglio dalla Cina, arance provenienti da Paesi extraeuropei, fagioli egiziani, sono solo alcuni dei prodotti alimentari che infatti facilmente possiamo trovare tra i banconi dei mercati. Creare dunque dei canali riconosciuti da dove far arrivare questi cibi sarebbe la soluzione più opportuna. "Per la sicurezza del consumatore innanzitutto, - conclude D'Antrassi - ma ne gioverebbe anche il produttore che in questo caso guadagnerebbe di più".


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

4) Provola affumicata dessert

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search