Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 189 del 28/10/2010 il 27 Ottobre 2010
di Redazione

L’AZIENDA

La cantina calabrese continua a produrre questa tipologia di vino nonostante la richiesta sia diminuita. “Resiste soprattutto a livello locale”

Il novello di Statti
tiene duro

Macerazione carbonica al cento per cento, uve gaglioppo e merlot. Nasce così il vino novello dell'azienda agricola calabrese Statti.

I due fratelli, Alberto e Antonio, vice presidente nazionale il primo dell’Associazione allevatori, membro dell'Associazione giovani imprenditori vinicoli italiani, il secondo, di sfidare la tendenza e continuare a produrre una tipologia di vino la cui richiesta non è più elevata nel mercato. "La gente orienta le sue scelte oggi più che altro verso vini strutturati,  corposi, - spiega Antonio Statti - con un sapore più definito".
Eppure l'azienda calabrese, che si trova nella Piana di Lamezia Terme, continua la sua produzione di vino novello affiancandola ai vini classici e che rispecchiano il territorio, come il Gaglioppo rosso o il Lamezia bianco e rosso, o ancora  ai più ricercati come il Cauro o il Nosside.
Certo è che come la richiesta anche la produzione diminuisce: "Prima si trattava - spiega ancora Antonio Statti - di oltre ventiseimila bottiglie all'anno. Oggi la produzione di vino novello si attesta a tredicimila bottiglie e tutte destinate verso il mercato regionale". Il vino novello resiste dunque
ancora a livello locale, "ma è destinato ad estinguersi, - afferma Antonio - penso che questa sia la nostra ultima produzione". Trecentomila bottiglie in totale sulla produzione oggi sono intanto prodotte dall'azienda Statti che nasce negli anni Novanta, "l'obiettivo è raggiungere le settecentomila".
Stati Uniti, Svizzera, Germania, Austria, Gran Bretagna, Danimarca, Svezia, Paesi Baltici, Giappone, Thailandia e Corea. Sono questi i mercati esteri dove viene distribuito il vino Statti, "ma il sessanta per cento della nostra produzione - prosegue Antonio - viene assorbita dal mercato italiano". 'Leggere la Calabria in chiave moderna e dimostrare la valenza internazionale dei vini  da vitigni tradizionali calabresi' è il leit motiv dei fratelli Statti: "Il vino buono nasce in vigneto, abbiamo puntato molto alla valorizzazione dei vitigni autoctoni. Da anni si lavora sperimentando e ricercando il miglior materiale genetico e un vero e proprio campo sperimentale è stato attuato grazie alla sinergia con vivaisti nazionali e internazionali per lo studio e la moltiplicazione dei cloni dei vitigni quali il gaglioppo, magliocco, mantonico bianco e greco bianco".

Sandra Pizzurro


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search