Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Ore 21.55

Un parallelo tra Sicilia e Piemonte. Sgarbi: “La cultura e l’agricoltura italiana hanno nel vino la sua forza"

Italia unita
nel segno di Bacco

“La culla dell’Unità d’Italia è la Sicilia del vino e punto di partenza è la città di Salemi”, così Vittorio Sgarbi ha celebrato il ruolo della Sicilia del vino nell’unità d’Italia durante la conferenza “Sicilia e Piemonte: Unità d’Italia e Unità dei Sapori” tenutasi oggi nel padiglione Sicilia.


Il ragionamento storico, geografico ed enologico in occasione del 150° anniversario dello sbarco dei mille, ha posto a confronto le due regioni estreme della Penisola, entrambe protagoniste del capitolo più importante della storia Italiana.
L’idea unitaria in nome del vino è la base del dibattito che ha puntato i riflettori su queste  due regioni lontane ma unite dallo stesso sangue. “Il vino è ciò che smentisce l’autonomia ricercata. In Italia scorre lo stesso sangue. La cultura e l’agricoltura italiana hanno nel vino la sua forza ”, ha dichiarato Sgarbi. Questo il parametro che  il sindaco ha individuato per fare un parallelo tra i due poli del vino nell’ottica di una unità. Della ricerca della qualità, che storicamente ha portato i vini del Piemonte ad essere sinonimo di vino italiano, ne  ha fatto un ulteriore punto di riflessione. “La Sicilia, come il Piemonte, dalla quantità ha prodotto qualità”.  Per Sgarbi la Sicilia enologica sarebbe cresciuta, anche con una certa  autonomia, che ha favorito di fatto l’unità, diventando punto di riferimento di una viticoltura importante, proprio come il Piemonte.  “L’Unità non può essere contraddetta  - ribadisce  Sgarbi -. E l’autonomia non deve intendersi come disgregazione o opposizione”. Il percorso di eccellenza che ha fatto la Sicilia avrebbe portato anche produrre vini che spesso vengono paragonati ai grandi vini del Piemonte. “Questa confusione che porta vini siciliani ad essere confusi con vini piemontesi e viceversa conferma questa unità d’Italia. Una confusione che è piacevole, che indica l’unità e la storia di questo paese partita con Garibaldi”. Chi sostiene il vino come filo conduttore del patrimonio vitivinicolo e culturale d’Italia è anche  Leonardo Agueci, presidente dell’istituto Regionale della Vite e del Vino che nell’apertura del dibattito ha affermato: “Questo incontro tra Piemonte e Sicilia è importante perché cade nel momento in cui cade il 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Nella diversità dei gusti enologici la condizione della qualità ha portato la Sicilia ed il Piemonte ad essere punto di riferimento per i consumatori più attenti”. Citando la celebre frase di Veronelli sul vino come canto che la terra dedica al vino, Titti Bufardeci, assessore alle risorse agricole, puntualizza che questo canto al vino deve essere da parte di una politica nazionale in cui Sicilia e Piemonte siano uniti per rafforzare la viticoltura. “Che sia questo 150° anniversario rafforzamento dell’unità delle politiche nazionali”, ha dichiarato.

Manuela  Laiacona

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

1) Filetto di boccalone con pomodori alla ricotta di capra

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search