Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Giada Giaquinta

Christian Guzzardi
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Maddalena Peruzzi
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Marcella Ruggeri
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni
Alessia Zuppelli

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Andrea Alì

Bieta selvatica, pomodoro secco
e piacentino ennese su macco di fave

Andrea Alì
Ristorante Sapori Montani
Palazzolo Acreide (SR)

Ingredienti per 4 persone
200 gr di fave secche sgusciate (di Giarratana)
2 lt di brodo vegetale
30 gr di pomodoro secco tritato
1 kg di bieta già pulita
4 fette di piacentino ennese (pecorino tipico dell’entroterra siciliano).

Procedimento
Iniziare la cottura del brodo e portare ad ebollizione. Mettere le fave in una casseruola abbastanza capiente e coprire a filo con il brodo e avere cura di aggiungerne sempre fino ad ottenere una vellutata liquida, quindi spegnere. Lessare la verdura in abbondante acqua salata, scolare. Dorare uno spicchio d’aglio tritato in olio d’oliva. Tagliare la verdura e rosolare con l’aggiunta del pomodoro secco. Disporre su un piatto il macco,fare delle mezze sfere di bieta e completare con scaglie o fette di piacentino ennese.

Coniglio alla “stemperata”

Andrea Alì
Ristorante Sapori Montani
Palazzolo Acreide (SR)


Ingredienti
1 coniglio( circa 1 kg )
dadolata di sedano, carota, cipolla e olive verdi, capperi di salina q.b. ( per un totale massimo di 400 g)
menta fresca

Preparazione
Tagliare il coniglio a tranci, rosolare con olio extravergine di oliva. Quando è ben tostato spegnere. Fare la stessa cosa con la dadolata di verdure quindi uniteli al coniglio e continuare la cottura insieme. Preparare un bicchiere di aceto intiepidito, aggiungere un cucchiaio di zucchero di canna. Sfumare con questo e se necessario aggiungere del brodo vegetale. Tempo di cottura 30/40minuti a fuoco basso.
 

Suino nero siciliano
in crosta di pistacchio di bronte,
zenzero e  limone

Andrea Alì
Ristorante Sapori Montani
Palazzolo Acreide (SR)

Per il suino in crosta
600 gr. di suino nero a fette; 100 gr.di pistacchio di Bronte; 10 gr. di zenzero fresco  grattugiato; 10gr. di scorza di limone grattugiata; 20 gr.di pecorino grattugiato.
Preparare la crosta con il pistacchio, lo zenzero, e il limone, frullare al cutter  e mettere da parte. Mettere le fette di suino nero a bagno con olio e vino. Panare e infornare a 240° per 6 minuti e poi portare a 160° per 10 minuti. Salare e servire assieme al cavolo affettato sottile (preparato almeno 2 ore prima) e condire con olio, limone e pepe nero.
 

Mousse di ricotta con olio primofiore
(fruttato medio) e tartufo di palazzolo

Andrea Alì
Ristorante Sapori Montani
Palazzolo Acreide (SR)

Ingredienti per 4 persone
40gr tartufo di palazzolo
200gr di ricotta fresca
6gr di gelatina in fogli
300gr panna fresca(montata a lucido)
50gr zucchero semolato
Olio q.b.

Procedimento
Mettere in una casseruola 100gr di ricotta con lo zucchero e portare ad ebollizione nel frattempo avrete ammollato la gelatina in acqua fredda. Aggiungere la gelatina al composto caldo ed emulsionare bene. Montare la panna a lucido. Lavorare la rimanente ricotta e unirla all’altra, amalgamare. Portare il composto alla temperatura di 30/35° e unire alla panna. Lavorare fino ad ottenere un composto omogeneo e fluido. Riempire degli stampi e fare riposare per almeno 24 ore. Servire con un filo d’olio a coprire almeno tutto lo stampo e decorare con fette di tartufo.
 

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Nino Ferreri

Limu - Bagheria (Pa)

2) Riso cicale di mare, limone e bottarga

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2023 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search