Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il prodotto il 27 Aprile 2011
di Redazione

La ciliegia dell’Etna ad un passo dal riconoscimento Dop. E’ stato pubblicato sulla Gazzetta dell’Unione europea il documento unico che riassume il disciplinare della produzione del gustoso frutto

 dal colore rosso brillante che si coltiva alle pendici del vulcano più grande d’Europa. “Se nei prossimi sei mesi nessuno farà opposizione – ha spiegato Antonella Di Gregorio del Dipartimento regionale Interventi strutturali per l'agricoltura – allora il prodotto assumerà automaticamente la Denominazione d’origine protetta”.
Si tratta di un frutto dalla stazza medio-grossa, croccante all’esterno caratterizzato da una polpa molto compatta e dal peduncolo lungo. La zona di produzione della futura Dop «Ciliegia dell’Etna» si estende dal mare Ionio fino ad altitudini di 1 600 metri s.l.m. sui versanti Est e Sud-Est dell’Etna e comprende in provincia di Catania, il territorio dei Comuni di Giarre, Riposto, Mascali, Fiumefreddo di Sicilia, Piedimonte Etneo, Linguaglossa, Castiglione di Sicilia, Randazzo, Milo, Zafferana Etnea, S. Venerina, Sant’Alfio, Trecastagni, Pedara, Viagrande, Nicolosi, Ragalna, Adrano, Biancavilla,
S. Maria di Licodia, Belpasso, Aci S. Antonio, Acireale. Si comprende bene dunque che la zona di coltivazione della «Ciliegia dell’Etna» è caratterizzata da suoli che si trovano su substrati di origine vulcanica. Ed è proprio questo insieme alle connesse e notevoli escursioni termiche a determinare il colore rosso della «Ciliegia dell’Etna». La distribuzione del territorio fino ad altitudini di 1 600 metri sul livello del mare conferisce alla «Ciliegia dell’Etna» parametri esclusivi in termini di tempi di maturazione. In effetti,
questi ultimi coprono un ventaglio molto ampio che per l’ecotipo Mastrantonio (Donnantonio) va dall’inizio di giugno fino alla terza decade di luglio. Il disciplinare impone regole molto precise per la raccolta della ciliegia: non solo si dovrà, infatti, rispettare la naturale maturazione del frutto, ma la raccolta dovrà essere effettuata a mano con il peduncolo per evitare infezioni e marciumi. Dalla raccolta fino al momento della commercializzazione, infine, i frutti dovranno essere mantenuti in luoghi freschi e ombreggiati per evitare perdite di qualità e conservabilità.

Piera Zagone


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giuseppe Molaro

Contaminazioni restaurant

Somma Vesuviana (Na)

4) Carota, bufala e pomodoro del Piennolo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search