Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il prodotto il 31 Ottobre 2014
di C.d.G.

Di eroi ne abbiamo fatto incetta, tra romanzi, fumetti e cinema.

Nell’epoca del food mediatico, non sarà da meno, assicuro, la storia dell’Ultimo dei Fascitrari, dell'amico apicoltore e del distillato che ne racchiude la missione. Ci siamo imbattuti in questo artigiano, ultimo vivente di una maestranza agricola che ha alle spalle più di due mila anni di storia, al Salone del Gusto. Carmelo Musumeci vive in simbiosi con le api da quando è nato. Custodisce una tecnica di costruzione di arnie già citata da Virgilio e sicuramente preesistente al tempo in cui scriveva, si pensa che già nel 500 a. C fosse praticata. Parliamo di un’arte davvero in estinzione, tra i tesori più antichi che vanta l’apicultura iblea e il territorio di Sortino, adesso rimasta nelle mani di un solo uomo. Siamo nel territorio più vocato alla produzione di miele della Sicilia, impervio, roccioso ma ricco di specie arboree, piante e arbusti aromatici. Come tanti altri mestieri, questo veniva tramandato in famiglia, solo per via paterna, da padre a figlio o da suocero a genero. Praticamente quella dei fascitrari era una casta. Si nasceva, si cresceva e si moriva fascitrari.

Per costruire l’arnia utilizzavano la ferula, un'apiacea da sempre diffusa nel Bacino del Mediterraneo. Attraverso l'intreccio dei fasci realizzavano una cassa a forma di parallelepipedo all’interno dei quali venivano posti i favi. Il fascetre era talmente all’avanguardia e raffinato che consentiva di non ricorrere all’apicidio per annegamento o per asfissia da zolfo. Tenuto volutamente segreto proprio perché garantiva l’integrità e l’alta qualità del miele. I grandi testimoni del passato affermavano quanto i latini apprezzassero particolarmente quello ottenuto da questo tipo di arnia.

L’efficacia dell’antichissimo strumento, tanto venerato allora, l’abbiamo potuta appurare anche noi contemporanei a Torino. Lo Spirito dei Fascitrari si è incarnato in un distillato inebriante presentato in anteprima al Lingotto. Il frutto di un progetto di recupero che oltre a Carmelo Musumeci vede coinvolti, come promotore e fornitore, l’apicoltore Sebastiano Saccuzzo, anche lui figlio d'arte e appartenente ad una famiglia di apicoltori, e la distilleria Giovi. L’anima di questa bevanda è proprio il miele ottenuto da un “alvei ex feruli texiti”, citando Varrone (1 Sec. a.C),  che ha cento anni di lavoro nelle sue nervature e fessure, costruito dal nonno di Carmelo. Il distillato, tra l’altro, potrebbe essere l'originario, il primo mai prodotto. Studiosi e storici potranno trovare una nuova traccia per ridatare gli albori della distillazione e magari connotarla nel lembo ibleo e non nel Causaso, come vogliono le leggende al momento più accreditate. La tecnica della distillazione sarebbe strettamente connessa al lavoro dei fascitrari. “Il metodo di estrazione del miele avveniva per torchiatura dei favi – spiega Sebastiano – Per recuperare la cera, considerata all’epoca più preziosa del miele, i fascitrari scioglievano i favi nell'acqua calda -  E qui l’intuizione che porta alla distillazione - . Questa era talmente carica di zuccheri che cominciava a fermentare. Qualche arguto fascitraro pensò bene di distillarla e fu così che nacque una bevanda unica nel suo genere. Per conferirle il colore e renderlo ancora più gradevole  aggiungevano un decotto di miele, fatto cuocere per 48 ore  e aromi vari”. Anche la ricetta non è mai stata svelata. Ogni famiglia di fascitrari aveva la propria. E rimane segreta anche la composizione di Spirito de' i Fascitrari. In realtà, il distillato di miele è una specialità rinomata del territorio di Sortino, prodotta da pochi, ma il nettare in questione è l'unico da miele dei fascitrari, potremmo dire il più vicino all'originale, quello che addirittura si versava nei calici dell'Olimpo.

Sappiamo solo un dato sulle proporzioni, tre chili di miele per un litro di distillato. Il velo di mistero che avvolge questa pratica così remota, la dolcezza morbida e suadente di cui è carico ogni sorso, suggestionano talmente la fantasia e i sensi da sentirci al cospetto di quell'elisir decantato nella mitologia. Il colore è brunato e intenso. Sprigiona note di caramello, cacao, di crema gialla, di vaniglia. Pieno al palato, si espande una dolcezza gentile e non stucchevole. Solo tre mila bottiglie prodotte, Un traguardo di piccole proporzioni ma importante che consentirà a Carmelo di recuperare la lavorazione delle arnie e allevare le api  secondo il protocollo ereditato dagli avi. Chissà che i fascitrari non ritornino sulla scena come maestri d'arte e di vita, autentici custodi del territorio a cui non solo gli dei devono essere riconoscenti. 

Manuela Laiacona


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

2) Ravioli di Genovese di Polpo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search