Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervento il 21 Novembre 2018
di C.d.G.


(Michele Carruba)

Gli italiani sono convinti di mangiare correttamente e di seguire  una dieta salutare: lo dicono almeno 8 su 10. Ma non è così.

Michele Carruba, presidente Onlus Istituto Nutrizionale Carapelli, a Palermo per il MeBiForum Mediterranean Biodiversity Forum – progetto Olive Oil Forum ha sciolto alcuni dubbi nel corso del suo intervento "Noi siamo quello che mangiamo, italiani e dieta mediterranea: il valore dell’olio evo per la nostra salute". "La nostra salute dipende dalle nostre scelte - dice Carrauba - La nostra tradizione mediterranea ci ha lasciato una eredità che oggi è patrimonio dell’umanità intera: la Dieta Mediterranea. Si basa su alcune fondamenta: poca carne, pochi grassi animali; privilegiare il consumo di pesce, frutta e verdura e cereali integrali. Una delle colonne portanti è il consumo regolare e costante dell’olio di oliva".

Gli italiani, però, non si affidano agli esperti della nutrizione e fanno spesso "diete fai da te", anche nel consumo quotidiano dei cibi. Il risultato? Il 46% di quell’80% che credeva di mangiar bene ha carenza di frutta e verdura. Ma c'è dell'altro. Perchè il 41% mangia troppi dolci; il 76% mangia poco latte e derivati; l’81% mangia poca frutta; il 65% poca verdura. E c’è un eccesso nel 28% di carne lavorata e nel 25% di carne rossa. Per quanto riguarda l’olio di oliva, nel 38% del campione intervistato, risulta carente rispetto alla quantità raccomandata: dovrebbe essere di 30 grammi al giorno pari a 3 cucchiai al dì. Il 46% ha un consumo normale di olio di oliva, ma il 14% eccede. Inoltre, sappiamo come risultato di una serie di vari studi di questi ultimi 20 anni, che se uno segue almeno due delle caratteristiche alimentari della dieta mediterranea il risultato è una riduzione del 20% della mortaliltà per tutte le cause; la possibilità di rimanere in buona salute; di avere una aspettativa di lunga vita e di qualità della vita elevata.

"Come Fondazione Onlus Istituto Nutrizionale Carapelli - conclude Carruba - siamo impegnati a studiare i meccanismi attraverso i quali il consumo dell’olio evo agisce sulla salute umana. Sappiamo che gli strumenti sono i grassi monoinsaturi e gli anti ossidanti, che garantiscono la nostra salute".

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

4) Provola affumicata dessert

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search