Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Taormina Gourmet 2018 il 28 Ottobre2018

La domenica mattina si apre con una masterclass volta al mondo del vino, condotta da Luca Gardini, ed interamente dedicata ad Oreno della Tenuta Sette Ponti in Toscana. 

Una verticale di cinque annate del supertuscan, un vino che mostra una grande struttura e grande aromaticità dovuta al clima. Un blend di Merlot, Cabernet Sauvignon e Petit Verdot, un elegante taglio bordolese, ma con un tocco toscano. L’eleganza internazionale che mostra un timbro italiano. Sono dei vini con grande bevibilità, dei vini “puliti”. I vini della cantina Sette Ponti di Antonio Moretti, nascono nei terreni della tenuta di famiglia in Toscana. La passione per la qualità e l’artigianalità diventa il loro punto di forza e si sente dentro ogni sorso di vino.

Ecco i vini degustati nella verticale, dal più vecchio al più giovane: 
Oreno 2003

Annata calda con poca pioggia che ha prodotto un vino possente ma molto bevibile. Al naso pulito e diretto con un tocco di cassis, mentolato, si sente l’oliva nera, note balsamiche, e rabarbaro. In bocca salato, iodato e minerale, i tannini arrivano lievi ma poi vanno crescendo. Ritorna anche in bocca il rabarbaro.

Oreno 2010
Annata equilibrata. Potenza e densità. Si sente di più il tannino. Al naso cassis e mirtilli, dolcezza e acidità, un tocco di china, nel finale menta pura. Balsamico in bocca, profondità ed espansione, acido, fresco, la liquirizia torna torna in bocca.

Oreno 2014
Piovosa, ma grande annata. Al naso ciliegia e amarena, il dolce del frutto fresco ma acido, poi le erbe aromatiche rosmarino e alloro, pungente, piccante tocco di pepe dovuto alla parte di petit verdot. In bocca pulito con una tendenza tannica.

Oreno 2015
Al naso inizialmente agrumato, note di cacao e cioccolato, marino, note di cappero, mentolato. In bocca tannini morbidi ma in rilievo nella acidità, sapido.

Oreno 2016
Al naso è più chiuso dovuto al legno, il frutto predominante è la mora selvatica. In bocca si sente il legno, un vino compatto con alta densità di frutto, zuccherino ma acido al tempo stesso, un rimando al succo melograno. Le diverse annate presentano un colore omogeneo, rubino tendente al granato.

Costanza Gravina

ALCUNE IMMAGINI DELLA VERTICALE





Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Paolo Barrale

Aria Restaurant

Napoli

4) Vino e percoche

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search