Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2019 il 07 Aprile 2019
di C.d.G.


(Riccardo Cotarella - ph Vincenzo Ganci)

Sul palco dell'evento di inaugurazione del Vinitaly 2019, anche Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi, che si è mostrato decisamente preoccupato per il prezzo del vino italiano così basso. 

"Una brutta deriva questa - dice Cotarella - un chiodo fisso che ho in testa da un po' e che deve essere assolutamente rimosso nel più breve tempo possibile". Cotarella affronta questo delicato argomento parlando solo del prezzo dello sfuso italiano, "perché se metto a confronto il prezzo di vendita delle bottiglie del vino italiano con quelle dei nostri competitor è un vero disastro". Fare vino, per Cotarella, "è una nostra missione, ma adesso siamo preoccupati. Perché ci lamentiamo sempre del gap di prezzo tra Italia e Francia, ma poi non facciamo nulla affinché si limi un po' questo dislivello". Cotarella sciorina i numeri: "I prezzi di vendita delle nostre produzioni sono calati de 70 per cento rispetto al 2017 - dice il numero uno di Assoenologi - mentre il vino sfuso in Francia è aumentato del 30/35 % per i bianchi e del 40 % per i rossi". Molti parlano di legge di mercato, ma per Cotarella non è così: "Forse questa legge di mercato è valida per i mattoni o per altri beni, ma non per il vino - dice - Se il mercato del vino si dovesse fermare, le conseguenze sarebbero drammatiche, visto che i produttori abbandonerebbero i vigneti e questo sarebbe il vero male". L'abbandono dei vigneti, poi, per Cotarella, fa il paio con un altro disastro: "L'aumento della produzione in maniera spropositata per compesare il prezzo basso di vendita". Si è notato nella vendemmia 2018, soprattutto, un anno con una tra le più basse produzioni di vino degli ultimi decenni: "I rischi - conclude Cotarella - sono dunque due: o si perde la qualità nei vigneti a favore di una quantità esagerata, oppure si perdono proprio le vigne per l'abbandono dei produttori". 

G.V.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

4) Provola affumicata dessert

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search