Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2019 il 10 Aprile 2019
di C.d.G.



(Carlo Schizzerotto, Lucio Roncoroni, Maurizio Maestrelli, Dabel Galati e Natascia Thion)

di Andrea Camaschella

Dietro un titolo un po’ improbabile “la birra del vicino è sempre più speciale” si è tenuto un convegno molto interessante al Vinitaly, come esplicava il sottotitolo: Marketing e strategia della distribuzione della birra artigianale in Italia.

Moderato e organizzato da Carlo Schizzerotto l’incontro si è aperto con Maurizio Maestrelli, giornalista specializzato in birra (e “scippato” parecchi lustri fa dal mondo del vino) chiamato a introdurre il tema e l’importanza del marketing. In particolare molto interessante il primo intervento: dati alla mano di Cda (Consorzio Distribuzione Alimentari) Lucio Roncoroni ha estrapolato, studiato e snocciolato una serie di slide tecniche con risultati più o meno prevedibili, ma supportati dai numeri e soprattutto un dato statistico importante. 

  • Solo un quarto della birra industriale è venduto in fusti da 20 e soprattuto da 30 litri.
  • Le birre artigianali e le specialità delle multinazionali hanno migliori performance e solo un quinto va in fusto, con una prevalenza però del formato da 20 litri su quello da 30.
  • La birra industriale viaggia per lo più in fusto 
  • Si conferma che le birre artigianali non hanno il picco di consumi in estate, a differenza delle industriali, ma che restano costanti tutto l’anno
  • Si scopre che in estate le birre artigianali hanno un calo importante nel prezzo (è evidente che sale la richiesta per birre alcoliche, quindi con accise più basse e costi in generale più bassi)

Nell’intervento successivo Rolando Bossi va fuori tema cercando di creare confusione tra cosa è artigianale e cosa non lo è, riscrivendo in pratica la legge italiana e definendo la birra artigianale come “una birra prodotta con passione, rispettando gli stili, nel rispetto della tradizione, senza scorciatoie”, le crafty - cioè le birre industriali, prodotte da grandi gruppi, che scimmiottano le artigianali - come “le birre che riprendono nuove tendenze di mercato, nel rispetto della tradizione, senza scorciatoie”. Alla platea, farcita di birrai, non è piaciuto affatto. Interessante l’intervento di Natascia Tion di Ales and Co sul ruolo del distributore in Italia, richiamando la necessità di fare cultura, di preparare la forza vendita ma anche di formare ancora meglio il cliente e sottolineando come sia possibile, con una buona strategia marketing e commerciale, vendere a una grande fascia di mercato anche prodotti artigianali.


(Natascia Tion)

Chiude gli interventi Dabel Galati di Frimidale distribuzione, sottolineando la necessità di far trasparire la passione dei birrai, di chi la birra la fa insomma, fino al bicchiere, fino al cliente finale e anche lui notando la mancanza di formazione. Nessuno di UnionBirrai è stato invitato a spiegare la ricerca dell’università di Firenze in collaborazione appunto con UB, che scorre in sottofondo analizzando, slide dopo slide, il mercato della birra italiano e il consumatore tipo di birra in generale e di artigianale in particolare. La ricerca è però poco e mal spiegata fino a essere interrotta. Peccato perché conteneva molte risposte alle domande sorte precedentemente e anche ad alcune successive. Qualche intervento dal pubblico, trascurabile e chiosa finale di Maurizio Maestrelli che centra in pieno il punto: la comunicazione più che la formazione, per quanto riguarda i birrifici artigianali è lacunosa e va pensata per tutto il comparto. Si può essere fiduciosi: UnionBirrai e l’Università di Firenze hanno appunto in mano una ricerca (di cui sopra), dei dati, e continueranno a monitorare negli anni a venire. Con questi dati possono finalmente avere conferma - o scoprire - le lacune, i punti deboli e iniziare una strategia di comunicazione importante e massiccia (beh, questo lo vedremo in base ai costi…).


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gaetano Torrente

Al Convento

Cetara (Sa)

3) Baccalà in olio cottura su salsa puttanesca  e crumble di alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search