Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi

Andrea Camaschella

Marina V. Carrera

Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone

Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri

Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi

Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri

Enzo Raneri

Mauro Ricci

Emanuele Scarci

Marco Sciarrini

Sara Spanò

Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli

Maristella Vita

Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 03 Ottobre 2015
di C.d.G.

Sardegna Semidano di Mogoro Superiore Doc.

Oristano, centro occidentale della Sardegna, nel vicino comune di Mogoro, meno di 5.000 abitanti. Nel 1956 un gruppo di viticoltori giustamente pensò che l’unione fa la forza e si riunì in cooperativa. Il territorio si chiama Marmilla, è famoso per la tessitura artigianale di arazzi e tappeti e per la lavorazione artistica del legno. E’ anche una zona particolarmente adatta alla vite e vi prosperano varietà autoctone quali Monica, Semidano, Bovale, Nuragus, Malvasia, Moscato, Vermentino e Cannonau.

Oggi sono 450 ettari di vigneti tra Mogoro e comuni viciniori coltivati da 300 soci fieri di portare avanti la tradizione dei vini sardi secondo una mission rivolta alla qualità e al rispetto delle caratteristiche del territorio e delle viti. Sono terreni collinari costituiti da calcare e sabbie quaternarie in un clima tipicamente mediterraneo inondato da venti salati dal mare di maestrale. Sotto la guida del presidente Mario Orrù e dell’enologo e direttore tecnico Daniele Manca si imbottigliano 850.000 esemplari molto apprezzati all’estero, suddivisi in 3 linee per un totale di 22 etichette. Non cercate però vari Cabernet o Chardonnay o altri alloctoni perchè non ne troverete.


(Mario Orrù e Daniele Manca)

Di questi particolari vini degustiamo un top, il Puistéris, come detto di solo Semidano, quello di Mogoro. Il Semidano, antichissimo vitigno, una volta era diffuso in tutta l’isola, ma fu particolarmente colpito dall’epidemia di fillossera tanto che in genere è stato sostituito dal Nuragus. Oggi in pratica è coltivato solo nell’Oristanese anche se nel 1995 nacque la Doc Sardegna Semidano che comprende tutta l’isola, ma è la sottozona Mogoro quella che vi da lustro con 30 ha vitati sui complessivi 40.


(Lo staff della cantina)

Il Semidano è un vitigno a bacca bianca poco produttivo con grappoli di piccole dimensioni e serrati. Per l’aspetto vegetativo è talvolta confuso con il Nuragus, data la simile conformazione dei sarmenti e delle foglie. La maturazione avviene dalla seconda decade di settembre. In vendemmia tardiva, dalla prima decade di ottobre, dà vini bianchi di grande struttura e complessità o affascinanti vini dolci.


(Semidano)

Puistéris proviene da vigne ad alberello vecchie di oltre 30 anni, vendemmiate tardivamente nella prima decade di ottobre con uve ben mature quindi più ricche di zuccheri e di terpeni. L’accurata selezione dei grappoli riduce la resa a 50/60 quintali per ettaro. Immediato il trasporto in cantina e dopo una breve macerazione con le bucce e una fermentazione a bassa temperatura con lieviti selezionati il vino affina per 3 mesi in tonneaux da 500 litri sulle fecce fini con periodici batonnages per consentirvi di esprimere al meglio le sue caratteristiche e qualità. L’affinamento poi continua per 9 mesi in acciaio e 2 in bottiglia.

Versato nel calice il colore è giallo dorato brillante. Al naso non è particolarmente intenso, in compenso è elegante con note di pesca, albicocca, ginestra, ginepro, poco miele e nocciole. Al palato dà il meglio con una robusta struttura, è sapido, minerale, equilibratamente acido, di buona complessità e lunghezza. Un vino che invoglia a bere.

Abbiniamolo con spaghetti vongole e cozze, pesce fritto, scaloppine al limone, formaggio fiore sardo di media stagionatura. Sono 15 mila bottiglie che in enoteca sono a 16 euro. Se non lo trovate rivolgetevi direttamente alla cantina, risparmierete pure.
 

 

Cantina di Mogoro – Il Nuraghe

S.S. 131 km 62
09095 Mogoro (Or)
tel. 0783 990285
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.cantinadimogoro.it





Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search