Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 10 Giugno 2017
di C.d.G.

di Gianni Paternò 

Müller Thurgau Doc Alto Adige

Siamo a Cortaccia, antichissimo borgo che ha aggiunto recentemente al suo nome originario “sulla Strada del Vino” in quanto la bevanda di Bacco è al centro dell’economia agricola. Poderi antichissimi e già dal 1675 antenati dei Tiefenbrunner vi possedevano vigneti. Negli anni 40 Herbert Tiefenbrunner prese in mano l’azienda, che già nel 1848 fu classificata come vitivinicola quindi tra le più antiche altoatesine, che aveva al suo interno il Turmhof, un piccolo castello dove cominciò giovanissimo a fare vino. Nel 1983 il figlio Christof inizia a lavorare nell'azienda di famiglia alla quale ora dedica, assieme a sua moglie Sabine, la stessa passione e dedizione di suoi genitori.


(Sabine e Christof Tiefenbrunner) 

Oggi la famiglia Tiefenbrunner possiede 28 ettari di vigneti a cui se ne aggiungono altri 45 che conferiscono le uve da un territorio, con vigne mediamente da un solo ettaro, compreso in 7 comuni; nel castello oltre la cantina e il punto vendita c’è un ristoro stagionale dove si possono assaggiare i vini accompagnati da piatti freddi. Le varietà sono tante, per metà  Pinot Grigio che tanto successo ha all’estero, mentre in Italia il più richiesto è il Gewürztraminer.


(Il catello/cantina Turmhof) 

I conferitori sono storici e vengono seguiti e consigliati da Christof e dal suo agronomo per produrre al meglio e si è effettuata la selezione delle vigne migliori le cui uve andranno nelle linee top. Nelle sue vigne e in quelle selezionate un’agricoltura sostenibile senza alcun uso di diserbanti, cercando di rispettare la natura, un terroir vario con vigneti che partono dai 200 per arrivare ai 1.000 metri, quindi con tutti i presupposti per avere le cultivar adatte ad ogni particella.


(La bottaia)

In questa azienda padronale che opera come fosse cantina sociale le bottiglie annue sono 700.000 comprese in 27 etichette suddivise in 4 linee, abbondanza appunto dovuta all’estrema parcellizzazione che determina diversi vini e diversa qualità. Ci occupiamo del Feldmarschall Von Fenner che prende il nome da un generale asburgico, proviene da 3 ha di vigna a Guyot in  terreno morenico stratificato in varie componenti a quota di m 1.000 risultando il Müller Thurgau più alto d’Europa tanto che per la quota e gli sbalzi climatici la vendemmia è effettuata da due a quattro passaggi con selezione accurata dei grappoli in base al grado di maturazione e spesso ormai in presenza della muffa nobile.


(Vigneto a mille metri del Feldmarschall)

Dopo una macerazione di qualche ora gli acini sono pigiati delicatamente, metà del mosto viene messo a fermentare in botti grandi di legno, l’altra metà in acciaio, senza aggiunta di lieviti selezionati ma ottenendo il pied de cuve da quelli spontanei, niente malolattica ed affinamento nei rispettivi contenitori; a giugno si miscela, si chiarifica con bentonite, si filtra e si imbottiglia rimanendo in cantina fino al maggio successivo, solfiti solamente 100 mg/l. Per conservarne al meglio i profumi con coraggio e raziocinio si tappa a vite. Enologo della casa è Stephan Rohregger.

Nel calice il colore è giallo verdolino discretamente intenso. Al naso iniziali note minerali di ardesia ed idrocarburi che con l’ossigeno sono accompagnate da sentori erbacei e vegetali tra cui salvia, mirto e ginestra, da fruttati di mela, pesca e albicocca; grande intensità ed interessante e splendida complessità.
In bocca si ritrova tutto lo spettro che si è avvertito all’olfatto, ed è tanto, il vino si amplia con la sua spiccata mineralità quasi salina, si completa con la sua giusta acidità e si espande in ampia struttura con un finale quasi infinito. Splendido.

Perfetto da aperitivo, va a nozze con piatti ricchi di spezie e profumi, con pesci e crostacei, con frittate, con formaggi freschi erborinati o aromatizzati con zafferano, tipo il Piacentino. Sono 12.000 bottiglie che trovate a 24 euro, un prezzo abbordabile vista la sua bontà e le difficoltà della produzione.
 
Tiefenbrunner - Schlosskellerei Turmhof
Via Castello 4
Frazione Niclara
39040 Cortaccia sulla Strada del Vino
tel. 0471 880122
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.tiefenbrunner.com
 
 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search