Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Giada Giaquinta

Christian Guzzardi
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Maddalena Peruzzi
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Marcella Ruggeri
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni
Alessia Zuppelli

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Taormina Gourmet 2022 il 24 Ottobre2022
ph GdR

di Clara Minissale

Alessandro Maniaci e Giuseppe Borrello, dell’Osteria del maiale nero – Fattoria Borrello, di Raccuja in provincia di Messina, hanno presentato un piatto che mette insieme maiale, cozze e prodotti dell’orto.

Un piatto che è un concentrato di territorio e di tradizioni locali: maltagliati di grani antichi in zuppa di fagiolo Carazzo dei Nebrodi “Mussu niuru”, presidio Slow Food, con pancia di maiale nero e cozze di Ganzirri. “Maiale e cozze è un abbinamento nato quasi per gioco ma che si è rivelato vincente – ha detto Maniaci -. Ho voluto aggiungere le cozze di Ganzirri perché sono un ingrediente al quale io sono molto legato, essendo originario di Messina”. Il maiale viene cotto a vapore in forno su una griglia per fare scaricare il grasso, quindi viene tagliato per poi essere inserito nella zuppa. Le cozze vengono aperte a vapore in forno, per preservare sapore e sapidità e cotte con olio e aglio. I fagioli, invece, sono cotti con tocchetti di lardo di suino nero dei Nebrodi, un soffritto di erbe aromatiche, peperoncini dei sette anni, trito di cipolla, carota e sedano e finocchietto. Il fagiolo viene portato a cottura con brodo di maiale e acqua delle cozze. Si aggiunge anche concentrato di pomodoro, sempre realizzato con i pomodori coltivati nell’orto dell’Osteria e si lascia cuocere per un’ora e mezza circa. Si frulla un terzo dei fagioli cotti e poi si rimette tutto in pentola, si aggiunge la pancia di maiale e si lascia cuocere per circa un quarto d’ora. L’ideale sarebbe preparare la zuppa un giorno prima per lasciarla insaporire. A questo punto si cuociono i maltagliati, prima sbollentati in acqua e sale e poi passati nella minestra. Il risultato è un piatto ricco, goloso, equilibrato, che esalta le materie prime di un territorio generoso come quello dei Nebrodi e il lavoro accurato di una famiglia che da anni porta avanti allevamenti e un’azienda di lavorazione delle carni che è un solido riferimento. In abbinamento è stato servito Bertolino Soprano 2019 di Mandrarossa, azienda di Menfi nell’agrigentino.

ALCUNE FOTO (GdR)

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Nino Ferreri

Limu - Bagheria (Pa)

2) Riso cicale di mare, limone e bottarga

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2023 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search