Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cosa bevo
di Emanuele Di Bella
    COSA BEVO

Quel rosso che nasce dalle anfore

cos_pithos.jpgNe abbiamo contate cento di anfore nella cantina Cos di Vittoria, anche se manca la numero «17» ma c’è la «101», poiché uno dei due patron di questa azienda vitivinicola è un po’ superstizioso. Anfore che arrivano dalla Spagna e che segnano una svolta nella filosofia produttiva di Giambattista Cilia e Giusto Occhipinti. Niente legno o acciaio, piuttosto vasche di cemento e, soprattutto anfore. dalla terra alla terra, così è concepito il vino. Con gli interventi dell’uomo ridotti al lumicino, all’indispensabile. Insomma, non è una produzione biodinamica ma poco ci manca. Dalle anfore di terracotta nasce uno dei rossi più interessanti del panorama enologico siciliano che è anche un Cerasuolo di Vittoria Docg. Si chiama Pithos ed è un blend di Nero d’Avola e Frappato: uve raccolte in contrada Bastonaca, rese basse (appena 40 quintali per ettaro) e poi soprattutto fermentazione libera in anfore da 400 e 250 litri e sette mesi di macerazione sulle bucce. Il tutto con la sola aggiunta di un grammo di anidride solforosa per 100 litri, praticamente nulla. L’annata 2007 si presenta con un colore rosso rubino intenso. Profumi suadenti di fragole e frutti a bacca rossa, in bocca elegante e persistente. Gli amanti di cibi e bevande naturali hanno trovato il loro vessillo. E c’è da giurare che il tandem Cilia-Occhipinti non ha ancora finito di stupirci. Il Pithos ’07 costa in enoteca sui 15 euro.

F. C.
    COSA BEVO

Quel rosso che nasce dalle anfore

cos_pithos.jpgNe abbiamo contate cento di anfore nella cantina Cos di Vittoria, anche se manca la numero «17» ma c’è la «101», poiché uno dei due patron di questa azienda vitivinicola è un po’ superstizioso. Anfore che arrivano dalla Spagna e che segnano una svolta nella filosofia produttiva di Giambattista Cilia e Giusto Occhipinti. Niente legno o acciaio, piuttosto vasche di cemento e, soprattutto anfore. dalla terra alla terra, così è concepito il vino. Con gli interventi dell’uomo ridotti al lumicino, all’indispensabile. Insomma, non è una produzione biodinamica ma poco ci manca. Dalle anfore di terracotta nasce uno dei rossi più interessanti del panorama enologico siciliano che è anche un Cerasuolo di Vittoria Docg. Si chiama Pithos ed è un blend di Nero d’Avola e Frappato: uve raccolte in contrada Bastonaca, rese basse (appena 40 quintali per ettaro) e poi soprattutto fermentazione libera in anfore da 400 e 250 litri e sette mesi di macerazione sulle bucce. Il tutto con la sola aggiunta di un grammo di anidride solforosa per 100 litri, praticamente nulla. L’annata 2007 si presenta con un colore rosso rubino intenso. Profumi suadenti di fragole e frutti a bacca rossa, in bocca elegante e persistente. Gli amanti di cibi e bevande naturali hanno trovato il loro vessillo. E c’è da giurare che il tandem Cilia-Occhipinti non ha ancora finito di stupirci. Il Pithos ’07 costa in enoteca sui 15 euro.

F. C.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search